Da almeno un paio di settimane i bollettini medici della SPAL riferiscono che Marko Jankovic è alle prese con un “affaticamento agli adduttori” che di fatto gli impedisce di allenarsi a pieno regime con la squadra. Un problema emerso dopo la partita con la Lazio, che ha allungato ulteriori ombre sulla sua reale condizione fisica. Fatta eccezione per gli 11 minuti finali di SPAL-Sampdoria (3 marzo), Jankovic finora si è visto su un campo solo con la maglia della nazionale montenegrina negli impegni del 22 e 25 marzo scorso per un totale di 93 minuti in due partite.

Nella conferenza stampa di presentazione di Empoli-SPAL, qualche notizia in più è arrivata da mister Leonardo Semplici: “Il problema attuale è legato a una ricaduta del vecchio infortunio, per cui servirà pazienza per riportarlo a una condizione accettabile, in modo che possa essere utilizzato nella maniera giusta“. Allo stato attuale quindi non è ben chiaro se il giocatore possa rientrare in tempo utile per giocare qualche partita nel campionato in corso. Lui stesso – rendendo pubblica, attraverso il proprio profilo Instagram, la risposta ad una domanda di un fan – ha stimato un tempo di 10-15 giorni per la propria guarigione.
Vale la pena ricordare come il fantasista fosse arrivato nelle battute finali del mercato di gennaio dal Partizan di Belgrado, reduce da un periodo di inattività dovuto ad un’operazione chirurgica alla parete inguinale (qui avevamo spiegato meglio di cosa si trattava).

Jankvovic di sicuro non sarà a Empoli, al pari di Simic (affaticamento ad un flessore) e Dickmann (distrazione al retto femorale). Per allungare la panchina sarà convocato il centrocampista Andrea Rizzo Pinna (2000) dalla squadra Primavera.



Leaderboard Derby 2019