La SPAL non riesce a portare a casa un altro risultato di prestigio dopo le belle vittorie interne contro squadre di ben altro spessore tecnico come Roma, Lazio e Juventus, ma è senza dubbio un mister Semplici molto soddisfatto per quanto fatto oggi dai suoi ragazzi quello che si è presentato in sala stampa al termine della partita. Queste le parole del tecnico biancazzurro: “La squadra ha giocato una bella partita. Siamo partiti un po’ timorosi, anche per il fatto che i valori in campo erano differenti. Nel secondo tempo, invece, ci siamo aggiustati un po’ tatticamente, riuscendo a fare meglio in fase di aggressione e non dandogli respiro. Siamo riusciti a fare quello che volevamo mettere in campo sin dall’inizio. Dispiace, perché avremmo voluto fare risultato anche per dare una soddisfazione ai nostri tifosi che da inizio anno ci incitano sempre con grande energia. Abbiamo avuto grandi occasioni sia dopo il primo svantaggio che dopo il secondo, ma la differenza l’hanno fatta i grandi giocatori come Meret”.

“Con l’ingresso di Antenucci e di Jankovic abbiamo provato a fare qualcosa di diverso, rischiando anche un po’, ma creando tante palle-gol pericolose, che un po’ per nostro demerito, un po’, come detto, per la bravura degli avversari, non ci hanno portato al pareggio. Io comunque devo fare i complimenti ai ragazzi perché quando una squadra gioca con questo desiderio, questa attenzione, un allenatore non può che essere fiducioso per il futuro. Non so se quanto visto oggi possa essere indicativo dell’utilizzo in futuro di Jankovic, ora quello che conta è finire bene la stagione. Per quanto riguarda il contatto in area nel primo tempo sapete bene che io degli arbitri non parlo mai, soprattutto ora che siamo arrivati alla salvezza e non posso che essere felice di quanto fatto nel corso della stagione. Lui l’ha valutata così, a me sembrava rigore, ma sicuramente avrà deciso bene, anche perché era molto più vicino di me”.

Per il Napoli, invece, Carlo Ancelotti ha lasciato che a presentarsi ai microfoni dei giornalisti fosse il figlio, nonché vice, Davide, che su Manuel Lazzari, dato nel mirino degli azzurri per il prossimo mercato, si espresso così: “Si tratta di un ottimo giocatore, forse uno dei migliori per giocare come quinto di difesa. Sono sicuro che lavorandoci potrebbe fare anche come terzino. Palla al piede è bravo nell’andare sia a destra che a sinistra”.



Leaderboard Derby 2019