La sensazione, in questa prima fase di mercato, è che gli affari sull’asse Chievo-SPAL non siano destinati a esaurirsi con il solo prestito di Salvatore Esposito al club gialloblù.

Non è infatti un mistero che Davide Vagnati tenga d’occhio, da ormai diverso tempo, Mariusz Stepinski (1995). L’attaccante polacco viene da una stagione da 6 gol in 35 presenze nonostante le gravi difficoltà avute dal Chievo ad essere realmente competitivo in tutto l’arco della scorsa stagione. Stepinski non rimarrà di certo in B e i contatti tra il nuovo ds clivense Pellissier e Vagnati vanno avanti. Secondo le indiscrezioni più recenti, il Chievo partiva da un prezzo di 5 milioni per il cartellino dell’attaccante, mentre la SPAL sarebbe disponibile a offrirne 3,5. I luoghi comuni del calciomercato dicono che alla fine ci si potrebbe incontrare a metà strada, anche perché il Parma – dato come una delle squadre potenzialmente interessate al giocatore – ha puntato forte su Inglese (20 milioni) e si prepara a chiudere pure per Cornelius (6 mln) dall’Atalanta. Pare che anche il Celta Vigo abbia puntato altrove dopo aver fatto qualche sondaggio e che resti in ballo il Brescia neopromosso. Al momento Stepinski è in ritiro col Chievo e domenica ha preso parte alla mezz’ora finale dell’amichevole disputata contro la rappresentativa di dilettanti del Bleggio e del Comano Terme.

Stepinski non rimarrà in serie B, così come andranno verso la cessione altri giocatori del Chievo dall’ingaggio pesante, nell’ambito di un parziale ridimensionamento dei costi. Gli indiziati principali sono Djordjevic, Giaccherini, Obi e Tomovic. Proprio quest’ultimo stuzzica l’interesse della SPAL. Difensore polivalente, in grado di giocare sia da centrale, sia da terzino destro, classe 1987, ex nazionale serbo (dal 2008 al 2015). Considerata la difficoltà riscontrata nel riaprire un discorso col Torino per Bonifazi, la SPAL sta valutando questo profilo d’esperienza per provare ad assicurare a Semplici degli elementi in grado di interpretare diversi ruoli e sistemi tattici. Tomovic è sotto contratto col Chievo fino al 2021 e nell’ultima stagione ha collezionato appena 10 presenze a causa di due infortuni muscolari piuttosto seri. Un’eccezione alla regola se si considera che negli ultimi anni il difensore serbo ha sempre giocato una media di 30 partite ad annata. Prima di arrivare al Chievo nell’estate 2017, Tomovic ha giocato per cinque anni nella Fiorentina,  mettendo assieme anche 34 presenze in Europa League agli ordini di Vincenzo Montella e Paulo Sousa. E’ assistito da Alessandro Lucci, il procuratore che – tra gli altri – cura gli interessi dello spallino Alessandro Murgia.



Leaderboard Derby 2019