Sono passati poco più di due anni dal momento in cui Nicolas Giani ha salutato la SPAL e Ferrara. Domenica il capitano della doppia promozione ha fatto ritorno al Paolo Mazza e ha ricevuto un coro dalla curva Ovest nel corso del match di Coppa Italia. Lui, nel post-partita, ci ha tenuto a ringraziare: “In realtà, quando sono entrato nel secondo tempo, non avevo capito che stessero applaudendo me. Poi qualcuno me l’ha fatto notare e ho provato una grandissima emozione. Credo di aver lasciato un bel ricordo qui e come sapete sono molto legato a questo ambiente. Diciamo che anch’io sono un vero e proprio tifoso e non posso che augurare il meglio a questa società. Sono contento di aver giocato di nuovo al Mazza, perché tra la nascita della bambina e impegni vari non ero più risuscito a passare da Ferrara. Ma conservo sempre un fantastico ricordo della città e dei tifosi. Lo stadio mi ha fatto una bellissima impressione: è cambiato molto dall’ultima volta che l’avevo visto. Questa squadra merita una struttura di questo valore“.

Quella del precampionato era una partita che faceva poco testo, mentre oggi era a tutti gli effetti una partita vera, in cui nessuno dei giocatori in campo s’è risparmiato. Ho visto una buona SPAL, con grandi margini di miglioramento e una base già molto forte. Chiaramente il distacco delle due categorie si è fatto sentire e anche noi della dobbiamo fare un po’ mea culpa: abbiamo sbagliato due-tre palloni in uscita e quando commetti questi errori contro una squadra di serie A vieni inevitabilmente punito. Sono sicurissimo che la SPAL farà un altro campionato interessante, entusiasmando il proprio straordinario pubblico. Le faccio un grande in bocca al lupo per l’inizio del campionato“.



Leaderboard Derby 2019