La sosta del campionato ha indotto la SPAL a organizzare una partitella in famiglia che ha richiamato quasi 500 persone al centro sportivo “G.B. Fabbri”. Abbastanza improprio parlare di amichevole contro la squadra Primavera, visto che i giovani biancazzurri sono stati rinforzati da alcuni “prestiti” dalla prima squadra. 1-1 il risultato finale nei circa 70 minuti totali divisi in due tempi. All’allenamento non hanno preso parte il nuovo arrivato Sala e capitan Floccari, a titolo puramente precauzionale. Assenti ovviamente i giocatori impegnati con le rispettive nazionali, ossia Berisha, Cionek, Reca, Kurtic e Jankovic.

SPAL PRIMO TEMPO 3-5-2: Letica; Tomovic, Vicari, Felipe; Strefezza, Missiroli, Murgia, Valoti, Di Francesco; D’Alessandro, Petagna.
SPAL SECONDO TEMPO 4-4-2: Letica; Tomovic, Vicari, Felipe, Igor; Di Francesco, Murgia, Valdifiori, Valoti; Moncini, Paloschi.
RETI: Moncini 19’ pt, Paloschi 29’ st.
Semplici ha schierato due formazioni e due moduli differenti nelle due frazioni del match: classico 3-5-2 nel primo tempo con il solo Strefezza a sostituire Igor, schierato nell’undici della Primavera assieme a Thiam, Valdifiori, Paloschi e Moncini. Primo sussulto con Valoti, con Thiam a deviare il suo colpo di testa su iniziativa di Di Francesco. Il vantaggio per la squadra B è arrivato al 18′: Valdifiori a condurre, cross in mezzo e deviazione vincente di Moncini.
Rimescolate le squadre, nella ripresa Semplici ha proposto una sorta di 442 per la formazione A, con Valoti sempre tra i più pericolosi grazie alle sue incursioni aeree. Il pareggio è arrivato al 29′ grazie a Paloschi, servito in area ancora una volta da Di Francesco.
Si è trattato di una partita a bassi ritmi, combattuta perlopiù a centrocampo a suon di passaggi e tentativi mancati di trovare il giusto guizzo per mettere in difficoltà i rispettivi portieri.
Da segnalare:
– Valdifiori: Fino a che si gioca a basso ritmo continua a segnalarsi tra i migliori, come accaduto nel precampionato. Tanti spunti positivi, lanci tipici del suo repertorio e persino due progressioni in accelerazione che hanno messo in difficoltà le difese avversarie.
– Valoti: A conferma di quanto visto fino a questo punto della stagione, si conferma il più in forma della rosa, facendosi trovare sempre al centro dell’azione e proponendosi spesso in area avversaria.

– Murgia: Nell’ora abbondante di gioco è parso quello più in ritardo di condizione, probabilmente anche a causa delle scorie accumulate durante l’Europeo U21.
– D’Alessandro: Sparisce con il passare dei minuti e nel complesso crea davvero pochi spunti e poche accelerazioni rispetto alle sue possibilità.

a cura di Enrico Baroni e Luca Testoni


Leaderboard Derby 2019