Con il suo gol al 92′ Jasmin Kurtic ha esaltato ancora una volta il pubblico del Paolo Mazza, stavolta mettendo la firma su tre punti pesantissimi contro la Lazio. Ecco le sue considerazioni nel postpartita.
“Il mio è un gol importante visto che ci porta tre punti che sono ancora più importanti per noi, per il nostro cammino e soprattutto per il gruppo e per la gente. Personalmente non mi sento uno dei leader del gruppo. Siamo una squadra in cui l’unico leader è il gruppo, per cui se stiamo insieme e combattiamo insieme arriviamo al nostro obiettivo che deve essere la salvezza. C’erano degli spazi e delle giocate da fare e ognuno di noi ha fato una grande partita, a parte l’inizio in cui eravamo un po’ timidi. Per me non c’entra niente la tattica, è solo questione di testa: se sei sul pezzo e non hai paura di tenere palla e giocarla, il resto viene da sé. Se hai paura, non ottieni nulla. Nel secondo tempo volevamo vincere contrasti, ottenere le seconde palle. una volta che abbiamo visto che si poteva giocare e palleggiare abbiamo creato occasioni importanti e vinto anche meritatamente”.
“Dopo il primo tempo ci siamo detti ‘palleggiamo, che ce la possiamo fare a portare a casa almeno un punto’. Sapevamo che l’avversario è forte e ha grande qualità in tutti i reparti, ma eravamo anche consapevoli che uniti avremmo potuto portarci a casa qualcosa. Strefezza? Un ragazzo bravissimo, che lavora sempre bene. Ogni giorno si mette a disposizione e migliora. Ha davvero grande potenzialità e può fare delle belle cose. Il tifo? Senza tifosi non puoi fare nulla e come ho detto tante volte, giù il cappello perché ci sostengono sempre, anche oggi nel momento brutto ad inizio gara. Ci hanno dato davvero una grande mano”.


Leaderboard Derby 2019