Finisce con una sconfitta per 3-1 a Verona la prima trasferta stagionale della Primavera. Contro un avversario fisico e veloce i biancazzurri non sono riusciti a difendere il pareggio agguantato su rigore da Zanchetta, subendo una doppietta da uno scatenato Sane. Nonostante le occasioni per pareggiare non siano mancate, il verdetto conferma quanto visto in campo, con il Verona che per occasioni create ha meritato i tre punti.

Mister Fiasconi ha riproposto per nove undicesimi la squadra che sei giorni fa si era imposta in rimonta sul Brescia, lanciando dal primo minuto l’ormai veterano Sare come mezzala al posto di Tunjov e Minaj come numero nove in luogo di Babbi. I primi venti minuti vedono le due squadre affrontarsi a viso aperto e con ritmi  decisamente sostenuti. Dopo un paio di palle gol a testa (Jocic e Sane per i padroni di casa, due volte Teyou Tamo per gli ospiti) a passare in vantaggio sono i gialloblù con Yeboah che trafigge Meneghetti con un destro in diagonale nato da un cross dalla destra di Brandi.
Il Verona inizia ad acquistare fiducia e terreno, mancando la rete del raddoppio prima con Yeboah e poi con Felippe, ma Dal Cortivo ingenuamente commette fallo in area su Teyou Tamo. Rigore inevitabile, che Zanchetta è bravo a piazzare alle spalle di Ciezkowski. La SPAL avrebbe anche l’occasione di passare subito in vantaggio con Minaj, ma la conclusione dell’albanese si spegne di poco sul fondo. L’Hellas ringrazia, che a cinque minuti dall’intervallo mette la freccia con Sane, lesto ad avventarsi su un cross dalla sinistra di Amayah, respinto male dalla difesa spallina, e appoggiare il pallone nell’angolino della porta.

La SPAL ancora una volta non si dà per vinta, ma né il colpo di testa di Cannistrà, né la solita serpentina a rientrare di Cuellar portano al risultato sperato. I secondi quarantacinque minuti vedono il Verona avere le palle gol migliori, sfruttando soprattutto i buchi lasciati da un avversario sempre più offensivo, ma incapace di creare troppe apprensioni alla retroguardia scaligera. Negli ultimi dieci minuti la SPAL resta a galla grazie a due parate di Meneghetti ed alla traversa colpita su punizione da Felippe. Nel recupero i ragazzi di Fiasconi sono tutti in avanti a cercare la rete del pareggio ed è un gioco per ragazzi per Sane involarsi in contropiede e siglare la rete del 3-1.

A fine partita Luca Fiasconi commenta così: “Oggi i ragazzi ci hanno messo l’anima fino alla fine e non gli voglio rimproverare niente. Nel primo tempo il Verona ha fatto girare meglio la palla, mentre noi abbiamo sofferto tanto la loro intensità, data soprattutto dalla linea d’attacco. Noi però abbiamo ribattuto colpo su colpo, rimanendo in partita. Ogni tanto qualche spazio lo hanno concesso e noi ne abbiamo ricavato due/tre occasioni per segnare, ma non siamo stati abbastanza cinici. Abbiamo avuto delle ripartenze giuste, ma se avessimo fatto meglio qualche lettura di gioco potevamo tranquillamente essere noi a portarci in vantaggio. Nel secondo tempo invece la palla l’abbiamo tenuta noi, ma non siamo stati fortunati nel trovare l’occasione giusta. Ci hanno annullato un gol per fuorigioco a mio parere abbastanza dubbio. Ma non voglio soffermarmi su questo episodio. Se a fine partita avessimo pareggiato penso non avremmo rubato niente. Invece abbiamo subito il 3-1 in contropiede. C’è sicuramente da migliorare. Lavoreremo sul fraseggio e continueremo a cercare di ottenere il massimo a livello tecnico dai nostri ragazzi”.

Hellas Verona – SPAL 3-1 (p.t. 2-1)

Verona (4-2-3-1): Ciezkowski; Bernardinello, Calabrese, Dal Cortivo, Udogie (dal 23’ s.t. Agbugui); Felippe, Brandi; Yeboah (dal 43’ s.t. Zingertas), Jocic (dal 20’ s.t. Turra), Amayah (dal 20’ s.t. Pierobon); Sane. A disp: Aznar, Gresele, Bracelli, Squarzoni, Jemal, Nicolau, Montanari. All. Corrent.

SPAL (4-3-3): Meneghetti; Iskra (dal 12’ s.t. Alessio), Cannistrà, Spina, Farcas; Teyou Tamo, Zanchetta (dal 40’ s.t. Kryeziu), Sare; Ellertsson (dal 12’ s.t. Horvath), Minaj (dal 12’ s.t. Campagna), Cuellar: A disp: Galeotti, Peda, Pasqualino, Uddenas, Fregnani, Tunjov, Maksymowicz, Babbi. All. Fiasconi

Arbitro: Sig. Gualtieri di Asti (Ass.ti Maninetti e Galimberti).
Marcatori: 18’ p.t. Yeboah (V), 26’ p.t. rig. Zanchetta (S), 40’ p.t. Sane (V), 46’ s.t. Sane (V).
Ammoniti: Dal Cortivo (V), Calabrese (V), Farcas (S), Agbugui (V).
Recupero: 2’ p.t., 4’ s.t.



Leaderboard Derby 2019