Ferrara ormai è lontana. Ma Alfred Gomis, oggi in forza al Dijon (Ligue 1 francese), ha voluto tornare sull’epilogo della sua esperienza alla SPAL in un’intervista rilasciata a Furio Zara per il Corriere dello Sport-Stadio, senza risparmiare parole dure nei confronti del suo ex allenatore Leonardo Semplici.

Non mi manca la serie A, – ha detto il portiere italo-senegalese – ho fatto una scelta ben precisa e non ho rimpianti. Giudico positivamente il mio percorso italiano, anche se si è interrotto non proprio nella maniera che avrei voluto. Ho lasciato la SPAL per scelta dell’allenatore. Lo dico serenamente, ma con fermezza: non credo si sia comportato correttamente nei miei confronti. Ogni allenatore è libero di prendere le decisioni che vuole, ci mancherebbe. Ma Semplici non ha mai avuto fiducia in me. Anzi, me lo diceva a parole, ma i fatti raccontano un’altra realtà. Mi diceva che stavo andando bene, poi a gennaio hanno preso un altro portiere (Viviano, ndr) che non giocava da otto mesi: ha fatto due allenamenti e l’ha mandato in campo. Rispetto le scelte dell’allenatore, anche se mi ha deluso. Con la dirigenza non ho mai avuto problemi, tanto che a febbraio avevamo rinnovato il contratto. Ora voglio fare il massimo al Dijon, contribuire alla salvezza e utilizzare questo campionato per propormi ad alti livelli“.

Attualmente il Dijon è penultimo nel campionato francese, con appena 8 punti realizzati in 9 partite. Ultimamente la squadra si è risollevata, conquistando due vittorie consecutive contro Reims e Strasbourg. Gomis ha conquistato il posto da titolare a partire dalla terza giornata, alternando buone prestazioni a qualche errore decisamente evitabile.



Leaderboard Derby 2019