La SPAL si presenta allo scontro salvezza contro il Brescia dopo 135 minuti decisamente più convincenti e rincuoranti delle sfide precedenti: il buon secondo tempo di Milano e la cinquina rifilata al Lecce nel quarto turno di Coppa Italia. La consueta conferenza stampa della vigilia della partita è stata occasione per approfondire diversi temi con mister Leonardo Semplici.

LA PARTITA – “L’aspetto più importante è sicuramente disputare una grande partita contro una squadra che lotta come noi per lo stesso obiettivo. È un momento importante, siamo anche numericamente in emergenza, ma sono convinto che i ragazzi che scenderanno in campo sapranno mettere tutto quello che hanno per provare a fare un’ottima prestazione e provare a vincere la gara. Spero che la partita con il Lecce abbia dato un po’ più di serenità per quelle che sono le nostre idee di calcio e di gioco e per quella che è la crescita di alcuni giocatori. Sotto un certo punto di vista era una partita che preferivo non avere in questa settimana, perché con l’impegno che avevamo in campionato contro una diretta concorrente come il Brescia poteva essere più utile non disputarla. Siamo contenti per esserci aggiudicati il passaggio del turno e uno scontro così importante a Milano contro il Milan, visto che era da tantissimi anni che la SPAL non arrivava agli ottavi. E’ un bel traguardo che deve darci fiducia, però la preparazione che mi interessava era quella per questa partita, per ripartire e per provare a fare una bella vittoria. Incontriamo una squadra con grandi valori come del resto sono tutte le squadre che giocano la Serie A, bisognerà affrontarla con grande rispetto, ma con la consapevolezza che possiamo fare la gara e dobbiamo farla da SPAL. Il secondo tempo contro l’Inter e il primo tempo contro il Lecce li abbiamo interpretati molto bene, con le qualità che possiamo mettere in campo e l’aspetto del gol non è sicuramente di poco conto, anzi. I marcatori tutti diversi mi auguro possano dare quella spinta che bisogna avere da qui in avanti per raggiungere l’obiettivo”.

FORMAZIONE – “Dietro siamo abbastanza precisi, sia con le soluzioni a tre che a quattro, in più oggi abbiamo recuperato Felipe: stiamo valutando entrambe le situazioni per fare la scelta migliore e fare sì che chi scenda in campo possa dare tutto quello che ha da dare. In allenamento giochiamo e proviamo quotidianamente entrambe le difese, ovviamente hanno delle caratteristiche specifiche e diverse, però abbiamo visto anche Cionek come ha interpretato il quinto a centrocampo. Sono ragazzi che sanno adattarsi, Igor ha fatto sia il centrale, sia il terzino sia il quinto a centrocampo: qualità e duttilità ci sono, quindi sta a me metterli in condizione di renderli utili a quello che vogliamo ottenere. Per quanto riguarda l’attacco, Paloschi per un modulo a due punte è un giocatore importante che si è comportato molto bene con un gol e un assist: è un giocatore che ha tutte le caratteristiche per essere decisivo in queste partite”.

TREQUARTISTI – “In rosa abbiamo Jankovic, Valoti e anche Kurtic che possono ricoprire il ruolo di giocatore dietro le punte, quindi stiamo valutando quale delle due soluzioni può essere la migliore. Abbiamo in testa quello che faremo domani, l’abbiamo provato, cercheremo attraverso le caratteristiche dei calciatori di andare a disputare una grande partita perché abbiamo bisogno di fare risultato. Le forze non saranno basate su quello che sarà lo scacchiere tattico, ma su quello che i ragazzi possono dare in questo momento, cercando di far sì che possano dimostrino il loro valore per 95 minuti. Kurtic è una delle soluzioni possibili, ma quello che mi interessa è dare continuità a quello che abbiamo visto nelle ultime partite, all’aggressività in fase di non possesso, alla determinazione che i ragazzi stanno mettendo in campo e all’identità che serve in queste partite assolutamente non semplici. Stiamo valutando anche Jankovic ovviamente, per quei 60 minuti col Lecce ha fatto molto bene, poi la condizione fisica cominciava a calare come è normale che sia dato che non giocava una partita da titolare da diversi mesi, nazionale compresa. Non volevo rischiare situazioni fisiche che potessero affaticarlo in maniera eccessiva e quindi vedere se anche domani possa darci una mano importante”.

MALEDIZIONE ESTERNI – “È un momento particolare, la maggior parte dei ragazzi si è fatta male ai legamenti o addirittura per contusioni più che per aspetti muscolari, escluso Reca. È una situazione particolare che subiamo già da inizio anno, siamo e dicembre e speriamo che con il Natale siano tutti più buoni e più bravi e che si riesca a riavere qualcuno a disposizione (ride, ndr). Siamo davvero decimati in quel ruolo quindi ci serve recuperare qualcuno, abbiamo una rosa ristretta, in cui l’unico vantaggio è il non avere scelta sulla formazione da schierare”.

L’AVVERSARIO – “Sicuramente quando c’è un cambio in cui ritorna un allenatore che aveva vinto il campionato di serie B e che aveva fatto benissimo creando dei legami particolari anche a livello di spogliatoio, mi aspetto di trovare una squadra agguerrita, che vorrà fare risultato e che dei suoi sette punti ne ha ottenuti sei in trasferta. Bisognerà stare sul pezzo come stiamo facendo, cercando di limitare le loro qualità e di mettere in campo le nostre che stanno dimostrando di iniziare a metterle in mostra. Domani sarà una partita in cui bisognerà dare il tutto per tutto. Balotelli? Ho già troppe situazioni tattiche a cui pensare, questa scelta la lascio al mister avversario. È sicuramente un giocatore che ha delle grandi caratteristiche e che può fare male in qualunque momento. Bisognerà stare attenti, ma non cambia se giocheranno Torregrossa o Donnarumma. Dovremo avere la massima concentrazione e attenzione”.

ARBITRO – “Orsato è uno dei migliori arbitri, se non il migliore: siamo contenti che anche gli addetti abbiano capito l’importanza della partita, ma io degli arbitri non ho mai parlato quindi vado avanti fiducioso di migliorare l’aspetto tecnico-tattico della mia squadra”.

8 DICEMBRE, MOMENTO NOSTALGIA – “Sono stati tanti i momenti belli, la maggior parte dei momenti vissuti qui sono belli. Mi auguri che il momento più bello debba ancora arrivare perché quello che abbiamo fatto insieme alla società e ai ragazzi che ho avuto il piacere di allenare in questi anni ci ha portato ad ottenere dei risultati impensabili al momento del mio arrivo, abbiamo riscritto quello che è un po’ la storia di questa società gloriosa. Mi auguro che la cosa più bella debba ancora arrivare”.

ASSENTI: Sala, Strefezza, Di Francesco, Reca (interessamento distrattivo del quadricipite della coscia destra) + Fares, D’Alessandro

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2): Berisha; Cionek, Tomovic, Vicari, Igor; Missiroli, Valdifiori/Murgia, Kurtic; Valoti; Petagna, Paloschi



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes