Anche in pieno periodo natalizio è tempo di derby e il popolo dell’MF Palace di Ferrara risponde presente, provando a spingere la truppa di coach Spiro Leka alla vittoria contro la capolista Ravenna. I romagnoli sono troppo complicati da digerire in periodo di pranzi e cenoni: l’OraSì è più lunga, più fisica e ha più punti nelle mani. Il Kleb rimane in gara per poco più di un quarto, poi, snervata dalla consistenza degli ospiti, alza bandiera bianca e dice addio all’imbattibilità casalinga.

La tensione è palpabile, sin dalla palla a due. Ma i punti fioccano, da una parte e dall’altra, in sostanza è l’equilibrio a farla da padrone. Ferrara parte forte (10-4 dopo 5’) spinta dai canestri di Vencato in penetrazione, Ebeling e Baldassare (5 punti in un amen) da dietro l’arco dei 6,75. Ravenna non si scompone, rimane in scia e impatta il punteggio sul 12-12 al 7’. Segnano Sergio, Chiumenti, Potts e Marino, da tre punti. Poi i primi 10’ vanno in archivio dopo il tecnico fischiato alla panchina di Ravenna per proteste: padroni di casa avanti 25-21. Gli otto punti di Wiggs e la bomba di Panni tengono a distanza gli ospiti, nonostante segnino Treier e Potts.

La FeliPharma vola sulle ali di Wiggs (perfetto dalla lunetta, 2/2) e Panni, che segna la seconda bomba di serata: 30-21 al 12’. Minuto di sospensione Ravenna. Ma una manciata di minuti dopo, più o meno all’altezza di metà secondo quarto, tocca a Leka chiamare time-out: Ferrara senza Baldassarre e Wiggs, in panchina per tirare un po’ il fiato, fatica parecchio e Ravenna ha aperto un parziale di 13-0 che l’ha portata in vantaggio. Mattatori Potts e Thomas, coadiuvati da Marino e Venuto a bersaglio con una tripla a testa: 30-34 dopo 15’. L’inerzia non cambia perché il Kleb non trova le contromisure per arginare i due americani dell’OraSì, entrambi raggiungono la doppia cifra prima dell’intervallo lungo. Altro giro, altro regalo pure per Marino e Venuto. Gli sforzi profusi da Wiggs e Panni sono fondamentali per mantenere gli estensi a contatto: 38-47 al 20’.

Nel secondo tempo le cose non migliorano per niente: Ferrara ci prova, trova la via del canestro con sufficiente regolarità (fare peggio del secondo periodo era difficile) ma non riesce a fermare in alcun modo l’attacco di Ravenna, che così – nonostante il prematuro quarto fallo di Thomas (al 24’) – conduce le danze tenendo a distanza di sicurezza i biancazzurri grazie soprattutto ai cesti di Potts e Treier (54-65 dopo 30’). Al 36’ gli ospiti toccano il massimo vantaggio di serata (60-80) e scrivono la parola fine al derby con diversi minuti d’anticipo.

FeliPharma Ferrara OraSì Ravenna 69 – 88
Parziali: 25 – 21; 38 – 47; 54 – 65

FeliPharma Ferrara: Wiggs 20, Vencato 4, Fantoni 4, Ramazziotti ne, Baldassarre 9, Beretta 3, Panni 10, Buffo 2, Balducci ne, Iannelli ne, Campbell 13, Ebeling 6. All.: Leka.

OraSì Ravenna: Farina ne, Potts 25, Jurkatamm 2, Thomas 21, Chiumenti 3, Marino 10, Zanetti ne, Treier 14, Venuto 9, Seck, Sergio 4, Bravi ne. All.: Cancellieri.

Il migliore – nessuno: l’unico che è sembrato in grado di mettere in difficoltà la difesa di Ravenna è stato Wiggs (20 punti), che comunque alla fine dei conti ha concluso poco. Panni (10) al solito ha giocato con il cuore, ma sulla lunga distanza non è bastato. Difficile dare la sufficienza a qualcuno. Unica nota lieta (forse) i 13 punti di Campbell, che però da sempre l’impressione di voler strafare.

Il peggiore – Vencato: peggior gara da quando veste la maglia del Kleb. Il play non entra mai in partita e non riesce a mettere in ritmo i compagni, come dimostra l’unico assist a referto e le cinque palle perse. Soffre terribilmente un Potts in serata di grazia, in attacco non crea nulla, né per sé, né per gli altri. Male pure dalla lunetta: 2/6 a cronometro fermo.

Spiro Leka
“Con Ravenna lo sapevamo che non sarebbe stata una partita facile e così è stato, non sono di certo sorpreso. Mi rammarica aver perso l’inerzia del match nel secondo quarto ma l’OraSì è una squadra molto forte, bisogna farle i complimenti per aver vinto su un campo come il nostro. Hanno preparato alla grande la partita e sono stati bravi a togliere il respiro a Vencato. Noi non siamo riusciti a seguire il piano che avevamo stabilito. Dovevamo difendere più forte, come hanno fatto loro. Ci sono stati episodi che potevano far girare la partita, non li abbiamo sfruttati e ci hanno punito. Peccato, volevamo chiudere con una vittoria il 2019. Ci è mancata lucidità e abbiamo provato a rimontare solo con i nervi. Ma non sono preoccupato”.

Sekou Wiggs
“Ravenna ha dimostrato di meritare al primo posto, ha giocato dal primo all’ultimo secondo con tantissima energia. Dobbiamo prendere esempio se vogliamo diventare uno dei migliori team della Lega. Ci rifaremo alla prossima, contro Mantova. Ci aspetta una gara molto complicata ma la prepareremo al meglio per andare là a vincere”.



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes