Il grigio anonimato di un altro giorno di quarantena è stato improvvisamente spezzato quando la SPAL ha annunciato la separazione dal proprio direttore sportivo Davide Vagnati. Il comunicato da parte del club biancazzurro è arrivato a metà pomeriggio di giovedì 30 aprile, causando una certa sorpresa e numerose reazioni nel pubblico spallino.

Vagnati e la SPAL si salutano dopo sette anni, ma il legame tra il ds, Mattioli e la famiglia Colombarini aveva radici ancora più profonde che risalivano al 2008, quando Vagnati si unì alla Giacomense in serie C2 per i suoi ultimi tre anni da calciatore, nonostante una parentesi a Pisa dopo il primo anno. Vagnati ha ricoperto l’incarico di ds nella Giacomense 2012-2013, prima di prendere in consegna le redini del progetto sportivo della SPAL. Il suo attuale contratto sarebbe scaduto a giugno 2022.

Questo il comunicato diffuso dalla società: “S.P.A.L. srl comunica che in data odierna il responsabile dell’area tecnica Davide Vagnati ha risolto il contratto col club biancazzurro.  Fin dall’avvio dell’esperienza con la nuova dirigenza spallina della famiglia Colombarini e del presidente Walter Mattioli nel luglio 2013, Vagnati è stato il riferimento dell’area sportiva, ruolo in precedenza ricoperto anche nella Giacomense, dove aveva iniziato il percorso prima da calciatore per tre stagioni e poi come direttore sportivo. Nel suo cammino in biancazzurro, svolto in coordinamento coi vertici societari, la SPAL ha ottenuto innumerevoli successi: promozione dalla Lega Pro alla Serie B e vittoria della Supercoppa di Lega Pro (stagione 2015-2016), promozione dalla Serie B alla Serie A (stagione 2016-2017), due salvezze consecutive in Serie A (stagioni 2017-2018 e 2018-2019). La società S.P.A.L. srl è orgogliosa di aver conosciuto e lavorato con Davide Vagnati, che attraverso i rapporti umani costruiti, la passione, le motivazioni e l’armonia ha saputo creare all’interno di tutte le componenti societarie e sportive un gruppo unito e innamorato dei colori biancazzurri. Vagnati avrà un posto speciale nella storia spallina, che ha contribuito a far rinascere, ricevendo da parte della società un attestato delle proprie qualità e doti dirigenziali. La famiglia Colombarini, il presidente Walter Mattioli, i dirigenti e tutte le componenti del Club augurano a Davide un futuro ricco di altri straordinari successi. Grazie Davide“.

Le voci su un possibile congedo di Vagnati circolavano già da diverse settimane, quando il campionato 2019-2020 era ancora in corso. In particolare c’erano stato accostamenti più o meno credibili a Torino e Sampdoria e secondo Gianluca Di Marzio di Sky Sport sarà proprio il club granata ad accoglierlo per la sua nuova esperienza personale: “Nei prossimi giorni – riferisce lo stesso Di Marzio – dovrebbe diventare il nuovo direttore sportivo della società del presidente Urbano Cairo, ruolo attualmente occupato da Bava che però si occupa anche di questioni amministrative e logistiche all’interno del club granata“.

I tempi dell’operazione appaiono quantomeno curiosi, visto che non è ancora ben chiaro se la stagione 2019/2020 avrà o meno un epilogo sul campo. Un eventuale separazione a giugno era stata messa in conto dagli addetti ai lavori e ora ci sarà spazio per le ipotesi sul possibile successore. Peserà senz’altro la categoria nella quale si ritroverà la SPAL nella prossima annata sportiva. Le voci di popolo che danno come candidato principale Sergio Floccari, attuale capitano dei biancazzurri, tuttavia appaiono prive di consistenza visto che l’attaccante spallino non ha svolto il corso di abilitazione per il ruolo.

1 comment

I commenti sono chiusi.



Leaderboard Derby 2019