Sembra ieri che si attendeva con trepidazione il calendario della stagione 2017-2018 e invece sono già passati tre anni. Tre anni nei quali la SPAL ha frequentato una categoria dalla quale mancava da mezzo secolo e in cui per la maggior parte del tempo s’è difesa rendendo orgogliosi i propri tifosi.

In questi giorni tristi, in cui i nostri occhi di tifosi sono pieni delle indecorose prestazioni dell’ultimo periodo, vale la pena riportare la memoria alle tante cose bellissime che abbiamo vissuto nell’ultimo triennio grazie ai biancazzurri.

– abbiamo visto quasi 1.500 tifosi all’Olimpico esultare per uno 0-0 meritato
– abbiamo visto il tiro a giro da tre punti di Rizzo sotto la Ovest, al 94′
– abbiamo visto la punizione di Viviani per il temporaneo 2-2 col Napoli
– abbiamo visto Antenucci segnare da venti metri contro il Genoa
– abbiamo visto quel pareggio meritato a Bergamo sotto il diluvio universale
– abbiamo visto i veronesi in tv aprire la bottiglia, per poi richiuderla dopo i gol di Paloschi e Antenucci
– abbiamo visto la doppietta di Floccari a Benevento
– abbiamo cantato nonostante i 4 gol di Immobile al Mazza
– abbiamo visto Paloschi sospeso in aria sotto la Ovest per il pareggio con l’Inter
– abbiamo visto la palombella di Simic a Crotone
– abbiamo visto il tiro al volo di Grassi che zittì i bolognesi in curvino (e il gol sbagliato da Destro)
– abbiamo visto l’azione da manuale per il gol di Antenucci a Reggio Emilia
– abbiamo visto Lazzari annullare Dybala ed Everton che manda per aria Barzagli
– abbiamo visto il gol di Manuel a Genova nonostante Giacomelli e il VAR
– abbiamo visto le prodezze di Meret a Firenze, con Eros a far l’ala destra
– abbiamo cantato “serie B, serie B” a domicilio ai tifosi dell’Hellas
– abbiamo esultato con Antenucci contro il Benevento
– abbiamo sperato nella salvezza in anticipo col gol di Grassi a Torino
– abbiamo fatto festa al Mazza, anche se Pa Konate non si è presentato
– abbiamo visto il missile di Kurtic al Dall’Ara
– abbiamo visto la volée vincente di Antenucci contro il Parma
– abbiamo visto Petagna bollare due volte contro l’Atalanta quando nessuno pensava sapesse farlo
– abbiamo visto il sacco di Roma, nonostante Milinkovic-Savic in porta
– abbiamo visto la doppietta di Kurtic con l’Empoli
– abbiamo visto Kurtic fare il gesto delle palle dopo un altro derby bellissimo
– abbiamo visto la SPAL passare dal 2-0 al 2-3 col Parma, al Tardini
– abbiamo visto un super gol di testa di Fares contro la Roma
– abbiamo visto Vicari firmare tre punti a Frosinone
– abbiamo visto Petagna far venire giù la Ovest con un rigore al 90′ contro la Lazio
– abbiamo visto la SPAL che batte la Juve dopo una vita intera
– abbiamo visto un super gol di Antenucci a Empoli, quando la birra nei bar era ormai esaurita
– abbiamo visto Felipe fare una doppietta al Bentegodi (e pure l’esordio in A di Poluzzi)
– abbiamo visto il gol decisivo di Kurtic contro una Lazio presuntuosa
– abbiamo visto Petagna firmare altre due vittorie col Parma
– abbiamo visto un pareggio al Mazza col Napoli
– abbiamo visto Strefezza fare gol a Torino e l’abbiamo sentito rilasciare dichiarazioni vietate ai minori
– abbiamo visto la vittoria di Bergamo quando si pensava che la SPAL ne avrebbe presi cinque
– abbiamo visto Floccari fare gol da trenta metri contro il Milan

Può sembrare poco, non lo è stato affatto.



Leaderboard Derby 2019