Il monologo dell’Hellas andato in scena al Bentegodi toglie alla SPAL anche l’ultima e remota possibilità di evitare il fondo della classifica, siglando l’ennesimo record negativo della stagione. Mai nella sua storia il club biancazzurro aveva chiuso una stagione all’ultima posizione (a prescindere dalla categoria). Di Carmine sistema le cose già nel primo tempo: gli bastano undici minuti per segnare una doppietta, sfruttando la leggerezza di Letica e le ingenuità della retroguardia spallina che soffre ogni incursione avversaria. Un paio di minuti dopo l’inizio della ripresa, un colpo di testa di Faraoni mette in cassaforte il match. La SPAL non riesce mai a mettere in difficoltà gli scaligeri e chiude senza gol un match che non è mai stato in discussione.

In condizioni normali questo servizio sarebbe stato reso possibile da chi ha contribuito al nostro crowdfunding per le trasferte della stagione 2019-2020. Purtroppo le attuali restrizioni non l’hanno permesso.

Per saperne di più: https://www.lospallino.com/2020/07/07/come-andato-il-crowdfunding-de-lospallino-com/

HELLAS VERONA-SPAL 3-0 (p.t. 2-0)

HELLAS VERONA (3-4-3): Radunovic; Gunter, Veloso (dal 44′ s.t. Badu), Dimarco; Faraoni, Pessina, Amrabat, Lazovic; Eysseric (dal 44′ s.t. Salcedo), Borini (dal 39′ s.t. Zaccagni), Di Carmine (dal 30′ s.t. Pazzini). A disp.: Silvestri, Berardi, Stepinski, Verre, Lucas, Terracciano. All.: Ivan Juric.

SPAL (4-3-3): Letica; Tomovic, Bonifazi, Salamon, Fares (dal 1′ s.t. Iskra); Dabo, Valdifiori (dal 1′ s.t. Murgia), Valoti (dal 1′ s.t. D’Alessandro); Strefezza (dal 39′ s.t. Horvath), Tunjov (dal 30′ s.t. Di Francesco), Petagna. A disp.: Thiam, Meneghetti, Cionek, Felipe, Vicari, Missiroli, Kryeziu. All.: Luigi Di Biagio.

ARBITRO: sig. Sozza di Seregno; assistenti: Meli e Marchi; IV uomo: Ros; VAR: Giua, A.VAR: Passeri.
RETI: Di Carmine (HV) al 7′ p.t. ed all’11’ p.t., Faraoni (HV) al 2′ s.t.
AMMONIZIONI: Eysseric (HV), Dabo (S).
NOTE: cielo sereno, campo in buone condizioni. Angoli: 7-1. Recupero: 2′ p.t., 4′ s.t. Partita giocata a porte chiuse.

Azioni salienti primo tempo

7′: I padroni di casa passano subito in vantaggio! Di Carmine capitalizza al meglio un cross millimetrico di Lazovic bucando i guantoni di Letica: il portiere spallino si divide con Bonifazi le colpe di questo primo gol.
8′: Da posizione defilata, Borini calcia al volo un altro cross di Lazovic, stavolta Letica si salva in corner.
11′: Raddoppio gialloblù: Dimarco appoggia il pallone per Di Carmine che, sfuggito alla marcatura di Fares, devia indisturbato il pallone in porta.
19′: Di Carmine sfiora la tripletta staccando di testa su un cross di Pessina, la sfera scavalca la traversa.
22′: Radunovic si sporca i guanti: Petagna inquadra lo specchio dalla distanza, il portiere scaligero blocca in due tempi.
36′: Tunjov prova a piazzarla da calcio di punizione: il tiro scavalca la barriera senza abbassarsi, spegnendosi sul fondo.
40′: Eysseric apparecchia per Di Carmine un’altra grande occasione, ma Letica rimane vigile e blocca con sicurezza il tiro del dieci gialloblù.

Azioni salienti secondo tempo

2′: Tris scaligero! Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Dimarco, Faraoni stacca alla perfezione ed infila il pallone alle spalle di Letica con un colpo di testa. Non pervenuti Bonifazi e Tunjov in marcatura.
8′: Doppia parata di Letica: il portiere prima respinge un tiro di Borini e poi devia in corner la successiva ribattuta di Pessina.
11′: Murgia ci prova da calcio piazzato: Radunovic deve giusto allungarsi un attimo per controllare con sicurezza il suo tiro debole e centrale.
15′: Strefezza dribbla Veloso e prova il destro a giro, mancando di poco l’angolino basso alla sinistra di Radunovic.
38′: Doppio intervento anche per il portiere scaligero: tolto dallo specchio un tiro centrale di D’Alessandro, riprende posizione e blocca a terra la successiva conclusione di Petagna.
42′: D’Alessandro sistema il pallone sui piedi di Petagna con una finta: la difesa gialloblù devia il suo sinistro in corner.
45’+4′: Acuto di Di Francesco da posizione defilata, sfera alta sopra la traversa: è l’ultima chance per il gol della bandiera, seguita dal triplice fischio.



Leaderboard Derby 2019