Al pari del collega Tomovic (intervistato da Dazn), anche Marco Sala ha valutato positivamente il pareggio colto dalla SPAL contro il Chievo.

La partita si divide in due parti: il pre-espulsione e il post. Prima del rosso abbiamo tirato tantissimo in porta e abbiamo approcciato la partita nel modo giusto, dando una bella dimostrazione dopo la brutta partita col Cittadella. Nel secondo tempo abbiamo fatto quello che dovevamo fare, perché quando le partite si mettono male, come può capitare in un campionato come questo in cui la differenza la fa la continuità, è fondamentale non uscire sconfitti. Quindi quello di oggi è un pareggio da portarsi a casa e da valutare con ottimismo. Forse possiamo recriminare qualcosa per le tante occasioni da gol che non abbiamo concretizzato nel primo tempo, ma in fin dei conti credo che il pareggio sia il risultato più giusto. Nel primo tempo meritavamo di chiudere in vantaggio, al di là del rigore che si può benissimo sbagliare. Nella ripresa abbiamo concesso il minimo sindacale: qualche cross e qualche tiro da fuori, senza però andare in affanno soffrendo più del dovuto“.

Per quanto mi riguarda è il secondo anno che gioco in serie B: da ciò che ho visto l’anno scorso tutte le squadre provano ad imporre il proprio ritmo quando sono in casa. Sono molto più aggressive sul portatore di palla e bisogna venirne fuori col palleggio. Probabilmente a Cittadella c’è mancata un po’ di lucidità nella gestione del possesso, ma è un passo falso che nell’arco di un campionato ci può stare. Venivamo da sei vittorie e dopo lo stop ora è il momento di compattarsi, come abbiamo fatto oggi. Ripeto: bisogna dare continuità ai risultati e oggi abbiamo rialzato la testa. La prossima partita col Venezia sarà durissima: loro sono a detta di tutti la vera e propria sorpresa di questo campionato e in casa impongono il proprio ritmo. Andremo al Penzo per fare la nostra partita e cercare di portare a casa un risultato positivo“.



Leaderboard Derby 2019
Grafema