Battendo il Sassuolo per 2-0 nella partita degli ottavi di finale di Coppa Italia la SPAL si è guadagnata la prestigiosa sfida ai quarti contro la Juventus. La sfida a eliminazione diretta con i bianconeri si giocherà mercoledì 27 gennaio a Torino, a cavallo tra la trasferta di campionato a Cremona (domenica 24, ore 21) e lo scontro diretto casalingo contro il Monza (sabato 30, ore 16). L’orario della partita verrà con tutta probabilità definito una volta concluso l’intero programma degli ottavi di finale.

La sfida si giocherà in casa dei campioni d’Italia per via della formula, varata nel 2018, che prevede la presenza delle otto teste di serie in base alla classifica della serie A nella stagione precedente. Come recita il regolamento al punto 3.1: “Le posizioni in tabellone sono assegnate mediante sorteggio, con l’avvertenza che negli ottavi di finale le teste di serie non possono incontrarsi tra loro e hanno diritto di giocare in casa la gara unica, e determinano anche l’eventuale disputa in casa della gara dei quarti e l’ordine di disputa delle semifinali“. In caso di qualificazione la vincente di Juventus-SPAL se la vedrà con quella del quarto tra Inter e Milan. Le semifinali vengono disputate con formula di andata e ritorno.

Per la SPAL quella del 27 gennaio sarà la 44^ sfida complessiva contro la Juventus in competizioni ufficiali. Le strade delle due squadre si sono già incrociate tre volte in Coppa Italia. La prima nella stagione 1961/1962, quando in semifinale Massei e compagni inflissero un clamoroso 4-1 ai bianconeri con i gol di Micheli, Dell’Omodarme (2) e Cervato. La delusione arrivò nella finale con il Napoli, persa per 2-1. Il secondo precedente risale all’annata 1965/1966, quando le due squadre si incontrarono proprio ai quarti di finale e la Juventus ebbe la meglio per 4-1 dopo i tempi supplementari. Parità (1-1) nei regolamentari con i gol di Traspedini e del 19enne Franco Pezzato, poi il tris bianconero con Menichelli (2) e Leoncini. In entrambi i casi la SPAL era in serie A. Era invece in serie B in occasione dell’incrocio della Coppa Italia 1973/1974, quando la Juventus dominò in lungo e in largo a Ferrara (0-5, tripletta di Anastasi e doppietta di Cuccureddu) in una partita valida per il girone eliminatorio di inizio stagione.

L’approdo più recente della SPAL ai quarti di finale del torneo risale al 1981, quando la squadra allenata da Titta Rota – allora in serie B – riuscì a vincere il proprio girone di qualificazione, saltando il passaggio degli ottavi). A quel punto la SPAL incontrò il Torino, poi finalista, e venne eliminata con un 4-0 nel match di ritorno che ribaltò l’1-0 dell’andata (segnò Danilo Ferrari su rigore).



Leaderboard Derby 2019
Grafema