Da uno Jacopo all’altro. Da circa una settimana sembrava che toccasse a Petriccione (1995) vestire la maglia della SPAL e invece è arrivato Jacopo Segre (1997), anche lui centrocampista, proveniente dal Torino.

L’operazione è stata messa in piede dai rispettivi ds Zamuner e Vagnati nella mattinata di lunedì ed è stata ufficializzata nel corso del tardo pomeriggio dopo lo scambio di documenti tra le due società. Segre, torinese di nascita, arriva alla SPAL in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione in serie A.

Si tratta di un centrocampista che per caratteristiche fisiche (185 cm d’altezza per 75kg) è comparabile a Mattia Valoti e che nel corso della sua carriera è stato schierato soprattutto nel ruolo di mezzala sul lato destro del campo. Nella scorsa stagione, trascorsa in prestito al Chievo Verona, ha giocato da titolare inamovibile (40 presenze, playoff compresi) nel 433 di Alfredo Aglietti. Tra i suoi compagni c’erano anche Lorenzo Dickmann e Salvatore Esposito.

[le zone di campo presidiate più frequentemente da Segre nel corso della stagione 2019/2020 al Chievo, via WyScout]

Segre calcia prevalentemente con il destro e ha buona propensione all’inserimento in zona offensiva, come testimoniato dai 7 gol messi a segno nelle 71 partite di serie B giocate nelle stagioni 2018/2019 (al Venezia) e 2019/2020 (al Chievo). Nel corso di questa stagione ha fatto parte della rosa del Torino a disposizione prima di Marco Giampaolo e poi di Davide Nicola, ma ha avuto poco spazio (185 minuti in 9 apparizioni in serie A), giocando perlopiù da titolare in Coppa Italia (3 presenze su 3 partite).

 

Del giovane centrocampista s’era parlato in maniera abbastanza diffusa a inizio dicembre, quando circolò una sua immagine che lo ritraeva sorridente con una maglia della Juventus tra le mani dopo il derby perso per 2-1 dai granata. Segre in seguito si è scusato, ma l’episodio gli è costato le simpatie di una fetta della tifoseria del Torino. Nel corso dell’attuale sessione di mercato era stato cercato anche dall’Empoli, ma il canale preferenziale di Zamuner con il suo predecessore Vagnati sembra aver orientato in maniera decisiva la scelta della destinazione.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard Isola