La SPAL che è tornata da Pisa non è tornata solo sconfitta e con un allenatore virtualmente esonerato, ma anche con l’infermeria piena. In attesa di un bollettino medico ufficiale, la situazione più delicata sembra essere quella di Raul Asencio. L’attaccante spagnolo si è procurato una forte distorsione alla caviglia destra dopo essere atterrato in maniera scomposta da un contrasto aereo con Mazzitelli.

 

Gli esami clinici svolti nel corso della giornata hanno fortunatamente escluso una frattura che avrebbe comportato la chiusura anticipata della sua stagione. Lo stesso giocatore, avvistato al centro sportivo “G.B. Fabbri” munito di stampelle, ha fatto capire d’aver scampato un infortunio potenzialmente molto serio. Stando alle informazioni attualmente disponibili potrebbe servire un mese prima che Asencio possa riprendere ad allenarsi con la squadra. Nella migliore delle ipotesi un rientro potrebbe verificarsi per le ultime tre o quattro partite della stagione regolare.

Si tratta ovviamente di un problema notevole per una squadra che nel reparto d’attacco già deve rinunciare a Paloschi e Di Francesco. Il primo potrebbe rientrare solo a inizio aprile, mentre il secondo sembra essere in miglioramento dopo l’affaticamento muscolare accusato in seguito alla partita contro la Virtus Entella. Sono da valutare anche le condizioni di Valoti, colpito da un problema muscolare nel riscaldamento di Pisa-SPAL e Tomovic, anch’egli alle prese con una potenziale lesione. Allo stato attuale sembra improbabile che i due possano essere recuperati per la prossima partita, in programma sabato 20 marzo contro il Cittadella.



Leaderboard Derby 2019
Grafema