A pochi istanti dal triplice fischio, i microfoni di Dazn intercettano subito il giovane difensore spallino Caleb Okoli che racconta ai cronisti cosa si prova a segnare il primo gol tra i professionisti in un campo così difficile e nel contesto di una partita così importante. Ecco le sue parole.

“Sono contentissimo soprattutto per la squadra e poi per il primo gol tra i professionisti. Volevo essere decisivo insieme ai miei compagni ed è arrivato in un campo difficile come questo. Era quello che volevo da quando ho iniziato a giocare a calcio. Luca (Mora, ndr) ha una grandissima esperienza e mi dà sempre tanti consigli: di sicuro mi darà anche qualche consiglio su come festeggiare questo gol. Sono molto contento di avere molto spazio anche con questo mister, dopo un primo inizio di campionato con degli infortuni. Nonostante non ci fossero Vicari e Tomovic, giocatori di grande esperienza, insieme a Ranieri oggi abbiamo comandato la difesa molto bene. Le critiche delle scorse settimane le ho lette, ma in questo sport devi essere forte di testa ed andare sempre avanti per la tua strada. Siamo scesi in campo con la cattiveria da tigri arrabbiate e siamo riusciti a portare i tre punti a casa: la SPAL c’è e lotterà fino alla fine per la promozione”.

“Rastelli mi ha dato fiducia in più nonostante la giovane età, dicendomi di continuare ad essere forte e non mollare mai su tutte le palle. Da qui in avanti so che posso migliorare ancora di più, la strada è lunga. Dedico il gol a mia mamma, ho anche il numero venti che è il giorno del suo compleanno, quindi la dedica è per lei”.



Leaderboard Derby 2019
Grafema