La SPAL vince 3-2 in casa contro un Vicenza in piena crisi e riprende immediatamente il filo del discorso interrotto a Reggio Calabria grazie ad una prestazione convincente.

VOTO DI SQUADRA 7 – Il punteggio sembra raccontare una storia diversa, ma la SPAL ha giocato una partita d’attacco e con la giusta intensità. Un po’ di imprecisione dei biancazzurri e un po’ di fortuna degli avversari hanno tenuto in bilico il risultato fino all’ora di gioco. Peccato per quel gol nel finale, assolutamente evitabile.

THIAM 6 – Nulla può sulla sfortunata deviazione di Zonta/Capradossi, per il resto gioca una gara attenta respingendo i pochi tentativi degli avversari. Buona la risposta in particolare al 7’ sulla punizione diretta di Giacomelli. Si concede anche un’uscita un po’ avventurosa, ma Capradossi mette la pezza.

DICKMANN 6,5 – Torna in campo dopo il breve stop per infortunio e gioca una buona gara, coprendo bene in difesa e proponendosi in avanti. Dimostra di non volersi risparmiare ed esce per un problema alla caviglia precedentemente infortunata. (dal 34′ st ZUCULINI 6 – Pochi minuti nei quali si rende protagonista di una diagonale difensiva perfettamente eseguita).

VICARI 6,5 – Sostiene l’azione con puntualità assieme a Capradossi, ma combina anche un pasticcio che finisce col consegnare a Giacomelli un pallone potenzialmente pericoloso. Se la prende – giustamente – con i compagni per il gol del 3-2.

CAPRADOSSI 6,5 – Crea i presupposti del gol del vantaggio spallino andando in pressing e portando la superiorità numerica in area avversaria. Prova a bloccare Zonta nell’occasione del momentaneo pareggio del Vicenza, toccando anche la sfera. Nel secondo tempo sale in cattedra con la consueta autorevolezza lasciando agli attaccanti ospiti poco più delle briciole.

TRIPALDELLI 6 – Quando i biancorossi attaccano dalla sua parte, danno sempre l’impressione di essere pericolosi. L’ex Cagliari non sembra proprio essere in serata di grazia, ma l’assist per il gol di Seck parte dal suo mancino. Cresce nel secondo tempo come il resto della squadra, anche se sembra avere qualche responsabilità sull’angolo che vale il 3-2.

ESPOSITO 7 – Dopo un avvio piuttosto nervoso riesce a prendere le misure e giocare con più serenità. Va alla conclusione più volte da fuori area, in alcune occasioni andando davvero vicino al gol. Guadagna la punizione che qualche minuto più tardi Viviani trasforma in oro.

VIVIANI 7 – Si sente in forma e si vede, perché si lancia spesso in proiezione offensiva e non si risparmia mai in copertura. Mette a segno il gol del sorpasso con la sua specialità. Esce per crampi a metà del secondo tempo tra gli applausi del Mazza (dal 24’ st DA RIVA 6 – L’ex di giornata entra in campo nel migliore momento dei biancazzurri e aiuta la squadra a portare a casa il risultato)

SECK 6,5 – Clotet lo ripropone titolare dopo la pausa di Reggio Calabria e lui lo ripaga con un il gol che sblocca la gara (e il suo campionato). Purtroppo manca ancora di alcune letture decisive, come quella del tardivo rientro su Calderoni che ha tutto il tempo che vuole per far partire il cross da cui scaturisce il pareggio vicentino. Ma ha vent’anni, è sempre bene ricordarlo (dal 27’ st D’ORAZIO  6 – Ha l’occasione di arrotondare maggiormente il risultato, ma la rasoiata esce di poco a lato).

MANCOSU 6,5 – Mette il piede in tutte le azioni offensive concrete che produce la SPAL, compresa quella del gol del vantaggio iniziale nel quale triangola bene con Tripaldelli. Gioca al servizio della squadra, ripiegando in fase difensiva spesso e volentieri.

CROCIATA 6 – La buona volontà c’è ma il suo cartellino alla fine manca di colpi decisivi. Spostato a destra dopo l’uscita di Seck, riesce ad esprimersi meglio anche con la complicità delle squadre decisamente molto allungate. Non proprio super reattivo sull’inserimento finale di Proia.

COLOMBO 7,5 – Fa letteralmente a sportellate con la difesa vicentina, lanciandosi in battaglia e inseguendo tutti. Dopo un’ora di sacrificio arriva anche la ricompensa: gol spettacolare da fuori area ed esultanza sotto la Ovest. Difficile chiedergli di più. (dal 34′ st MELCHIORRI ng – Pochi minuti per far valere la sua esperienza).


CLOTET 7
– La versione ferrarese della sua giovane SPAL gioca e diverte: gli si chiedeva questo, per ora la sta facendo.