La prima parte della sosta per le nazionali ha in parte confermato e in parte meno l’andamento che i biancazzurri impegnati e convocati stanno avendo anche agli ordini di Pep Clotet. Si sono viste prestazioni in chiaro scuro che arrivano prevalentemente dai giocatori convocati con l’Under 21.

Se per quanto riguarda gli stranieri (Ellertsson e Peda) il minutaggio è stato scarsissimo o nullo, diverso il discorso per gli italiani, Colombo ed Esposito, entrambi in campo da titolari nel match contro l’Irlanda, rispettivamente per 86 e 93 minuti.

 

MIKAEL EGILL ELLERTSSON
Romania-Islanda 0-0 (Coppa del mondo, qualifiche europee)

Seconda presenza con la maglia della Nazionale maggiore islandese per il giovane Ellertsson (in biancazzurro dal 2017, ma ceduto in estate allo Spezia in un’operazione che lo ha visto comunque rimanere in prestito a Ferrara), in campo da sostituto al 90’ (così come al debutto di ottobre) nello 0-0 con la Romania.

Pareggio che non modifica la sorte degli islandesi, ormai già tagliati fuori dal discorso qualificazione, mentre per la Romania si tratta di un risultato quantomeno negativo, con i padroni di casa che si vedono sorpassare al secondo posto dalla Macedonia del Nord (prossimo avversario proprio dell’Islanda, domenica ore 18), per l’ultimo e unico piazzamento valido per i playoff, ad una sola partita dalla conclusione.

PATRYK PEDA
Germania U2-Polonia U21 0-4 (U21 Qualificazioni agli Europei)

Niente da fare per Patryk Peda, che deve rimandare il suo esordio con l’Under 21 polacca. Il difensore è rimasto in panchina per tutti i 90’ in una partita in cui nei primi 20’ la sua Polonia è andata sul 3-0 mentre la Germania è rimasta in in dieci uomini. Nel ruolo di difensore centrale gli è stato preferito il coetaneo Bejger dello Slask Wroclaw, mentre sulla corsia di destra ha agito Gruszkowski del Wisla Krakow.

Al giro di boa del calendario la nazionale biancorossa si trova al terzo posto a quota 10 punti, con la Germania che nonostante il brusco stop mantiene la testa del girone a quota 12. Martedì 16 novembre alle ore 17:30 Peda e compagni ospiteranno la Lettonia.

LORENZO COLOMBO e SALVATORE ESPOSITO
Irlanda U21-Italia U21 0-2 (U21 Qualificazioni agli Europei 2022)

Corsara in trasferta anche l’Italia U21, che a Dublino batte 2-0 a domicilio i pari età dell’Irlanda con un gol per tempo. Titolari sia Salvatore Esposito sia Lorenzo Colombo: meglio il primo, con una prestazione ampiamente sufficiente, mentre per il bomber biancazzurro è stata una giornata piuttosto anonima.

Nelle precedenti uscite Colombo aveva dato prova delle sue qualità con partite in linea con quello che stava facendo vedere in campionato, mentre nel confronto di venerdì è parso leggermente più estraneo al gioco. Diversamente dagli impegni di ottobre, Colombo pare aver sofferto l’iniziale posizionamento largo sulla destra nel 433.

Per questo motivo mister Nicolato ha provato a renderlo più partecipe passando al 442 in prossimità del 45’, e spostando l’attaccante scuola Milan in posizione più centrale, vicino a Lorenzo Lucca (autore del gol che ha portato avanti gli azzurrini nel primo tempo), salvo poi tornare sui suoi passi con il modulo di partenza.

Nel secondo tempo Colombo ha tentato a tratti di essere maggiormente nel vivo dell’azione, cercando più di frequente gli scambi che tanto avevano funzionato con il terzino Raoul Bellanova nella partita contro la Bosnia, senza però andare a colmare la mancanza di brillantezza dimostrata in più d’un occasione.

Emblematica per la sua partita l’opportunità che gli è capitata sul sinistro nel finale di tempo: situazione praticamente identica a quella che l’ha portato al gol del 2-2 contro il Parma, con l’aggiunta del fatto che lo specchio della porta era completamente libero. Stavolta però Colombo è finito per strozzare il tiro di prima intenzione, concludendo debolmente.

Il centravanti spallino se non altro, è riuscito a compensare il parziale appannamento di giornata con la consueta generosità in ripiegamento, ricevendo complimenti dalla panchina proprio per la sua utilità in fase di appoggio e copertura. Ironia della sorte, sostituito all’86’, il subentrato Cancellieri (Hellas Verona) ha impiegato appena tre minuti per segnare e chiudere la partita al 90’ in contropiede.

Diametralmente opposta la partita di Salvatore Esposito: in campo per 93’, ha confermato il suo pieno inserimento in una squadra che da quando lo vede giocare con continuità. Ha guadagnato in equilibrio e personalità ed è sembrato inoltre meno contratto rispetto ai recenti impegni con la SPAL.

Perno nel terzetto di centrocampo, con Rovella (Genoa) e Ricci (Empoli) ai suoi lati, i compiti di Esposito erano quelli di garantire l’impostazione del gioco a corto raggio e soprattutto di coprire le linee di passaggio avversarie, compiti che ha rispettato pienamente, recuperando una gran quantità di palloni. Senz’altro dalla sua parte ha l’esperienza accumulata all’ormai terzo campionato di serie B giocato stabilmente da titolare.

Non c’è stata alcuna giocata particolarmente degna di nota nella partita di Esposito, bensì tante piccole cose ben fatte che confermano la sua crescente importanza all’interno del gruppo. Pare evidente come il ct Paolo Nicolato gli stia affidando la guida del reparto mediano dopo la definitiva promozione di Tonali in nazionale maggiore.

Esposito è anche stato il primo ed unico ammonito del match, in linea con l’appuntamento con il cartellino che già contro la Bosnia l’aveva visto protagonista.

Gli azzurrini rimangono dunque al secondo posto del girone a 13 punti, uno in meno della Svezia capolista, seppur con una partita in meno giocata rispetto agli scandinavi, e la qualificazione quindi ancora nelle proprie mani.

Prossimo impegno martedì 16 ore 17:30 (in concomitanza con la partita dei pari età della Polonia), amichevole a Frosinone contro la Romania allenata da Adrian Mutu.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
Dimedia – leaderboard
MEIS – leaderboard
CFI – leaderboard