C’è poco da fare, nell’arco degli anni il calcio è passato progressivamente dal racconto all’analisi. Come per mille altre cose del mondo tutto può essere misurato, classificato, incasellato e spiegato con un numero. Non sempre però i numeri sono noiosi se applicati al pallone. Di seguito trovate qualche spunto statistico su SPAL e Alessandria che si affronteranno sabato prossimo allo stadio Paolo Mazza: usatene liberamente qualcuno per impressionare amici e conoscenti.

Tra SPAL e Alessandria qual è la squadra…

* Più anziana? L’Alessandria, con un organico che in media ha due anni e mezzo in più (27 anni 3 mesi) rispetto ai biancazzurri. La SPAL, assieme al Crotone, è la squadra più giovane della serie B.

* Che tiene di più il pallone? La SPAL, con un distacco di quasi 5 punti percentuali (53,7% contro 48,8%). La primatista in questa categoria è il Benevento (54,9%). Sul fondo della classifica ci sono Cosenza e Como (43,4%). L’Alessandria si colloca al quart’ultimo posto.

* Che muove di più il pallone? Ovviamente la SPAL, che effettua in media quasi 70 passaggi in più degli avversari di giornata (367 vs 301). I biancazzurri tendono anche a essere maggiormente precisi (82,6%) rispetto a Beghetto e compagni (78,3%). La media della categoria è 81%. Viviani (53 a partita) ed Esposito (49) sono i principali catalizzatori del gioco di Clotet. Sul fronte opposto i riferimenti sono Prestia (43) e Parodi (39). L’Alessandria fa leggermente meglio della SPAL nei cosiddetti “passaggi chiave“, ossia le giocate che portano un compagno al tiro. La squadra di Longo è a quota 3,2 quella di Clotet a 2,6 a dispetto degli altri indicatori. Il Brescia è la migliore in assoluto con 4,2, mentre la peggiore è il Cosenza con 1,6.

* Che lancia di più? L’Alessandria, che tenta in media 44,7 lanci lunghi a partita. La SPAL ne fa contare 41 e rimane una delle squadre che ricorre meno frequentemente a questa tipologia di giocata. I lanci delle due squadre hanno un livello di precisione non così differente: 58% per i biancazzurri, 56,8% per i grigi. Nella SPAL provvedono soprattutto Viviani (7) e Vicari (6,5), tra i piemontesi lo fanno Casarini (6,7) e Mantovani (5.9). La squadra che effettua più lanci in media è il Pordenone, con 49,3 a partita.

* Che crossa di più? L’Alessandria è sopra la media della categoria (15 a partita) con un dato di 17 ogni 90 minuti. La SPAL si conferma squadra che non ama fare uso di questa soluzione con 12 tentativi per match. I traversoni dei grigi vanno a segno un po’ più spesso (32,45) rispetto a quelli che partono dai piedi degli uomini di Clotet (28,5%). Solo il Parma ha un’efficacia inferiore col 22,6%. Patryk Peda ha impiegato appena tre partite per diventare il principale crossatore della squadra con una media di 3 a partita.

* Che tenta più volte l’uno contro uno? La SPAL con ben 29,7 di media a partita. L’Alessandria comunque si difende bene (9^ in classifica) con 24,9. Il 55% dei tentativi biancazzurri va a buon fine, mentre per gli avversari di giornata la percentuale è del 54%. Il Perugia (59,9%) vanta la miglior percentuale di categoria, la peggiore invece ce l’ha il Cittadella (51%). Seck, pur meno coinvolto nelle ultime partite, continua a primeggiare nella SPAL (8,4 a partita). Dall’altra parte spiccano Orlando (9,1) e Lunetta (6,8).

* Che tira di più in porta? La SPAL continua a mettere in fila tutte le squadre della categoria con 15,8 tentativi a partita. L’Alessandria fatica decisamente di più con 9. Peggio della squadra di Longo fanno solo Monza (8,1) e Cosenza (7,4). La percentuale di tiri che finiscono nello specchio è del 36,2% per la SPAL e del 33,1% per i grigi. A livello individuale i principali tiratori sono da una parte Colombo (tot. 38) e Viviani (tot. 37), dall’altra Casarini (tot. 15) e Corazza (tot. 13).

* Che crea più pericoli? Stando ai numeri la SPAL ha prodotto conclusioni di maggior qualità con un dato xG (expected goals) che ammonta a 17,3. I gol segnati finora sono stati 16, per cui il dato è tutto sommato in linea. L’Alessandria invece sembra essere un po’ in credito con la fortuna perché ha messo a segno 11 gol a fronte di un xG di 14,3.

* Che ha mandato in gol più giocatori? La SPAL con 8 diversi elementi (Colombo 5, Viviani 3, Mancosu 2, Esposito, Seck, Latte Lath, Capradossi, Melchiorri 1). Nell’Alessandria sono invece 7 (Corazza 5, Chiarello, Palombi, Kolaj, Di Gennaro, Prestia, Ba 1). Le cooperative del gol sono Brescia e Frosinone con 13 marcatori.

* Chi ha preso più legni? L’Alessandria con 2. La SPAL, prima del tiro-cross di Crociata che si è infranto sul palo nel corso della partita col Perugia, era l’unica squadra della serie B a non aver ancora colpito pali e traverse. Il Como guida questa poco invidiabile classifica con 7.

Che tira di più da fuori area? La SPAL, in quanto è leader assoluta in questa situazione di gioco. Finora sono stati ben 114 (su un totale di 207) i tiri fatti partire fuori dai sedici metri avversari. Le inseguitrici più vicine sono Ternana e Pordenone con 81 e 74. L’Alessandria per ora è penultima con 48 (su 118 totali).

* Che ha incassato più gol da fuori area? La SPAL ne ha presi quattro: contro Pisa, Ternana, Parma e Cremonese. L’Alessandria ne ha incassato appena uno, contro il Lecce.

* Che ha fatto più gol su calcio di punizione? La SPAL (2), visto che è una delle quattro squadre, assieme a Cosenza, Pordenone e Frosinone, ad aver segnato con un calcio di punizione diretto (quelli di Viviani contro Vicenza e Parma) nelle prime dodici giornate di serie B.

* Che commette più falli? Le squadre si somigliano e ne commettono poco più di 14 a partita. I più fallosi in serie B sono i giocatori del Cittadella (18), i più corretti quelli del Cosenza (10,2). Tra i biancazzurri il più falloso per ora è stato Colombo con 2,7 a partita, ma la recente titolarità di Mora (1,8) ha finalmente fatto emergere un serio contendente per questo primato.

* Che perde più palloni? SPAL e Alessandria si attestano entrambe sullo stesso livello (97,7 e 97,2), peraltro in media col resto della serie B (96,5). I principali protagonisti in questa categoria sono Melchiorri (16) e Colombo (12,8).

* Che recupera più palloni? La SPAL con una media di 38,3 a partita contro i 34,8 degli uomini di Longo. A fare la voce grossa nella SPAL sono Capradossi (6,6) e Viviani (6). Dall’altra parte spiccano Di Gennaro (5,9) e Benedetti (5,5).

Lascia un commento