Le surreali ultime 24 ore della SPAL si concludono nel peggiore dei modi, ossia con una pesante sconfitta sul campo del Frosinone. I biancazzurri, con una formazione d’emergenza e una condizione psicologica tutt’altro che ideale, reggono mezz’ora e poi crollano mostrando ancora una volta incertezze difensive evitabili. Nella ripresa non si vede alcuna reazione e su una situazione di gioco  che aveva costretto la SPAL temporaneamente in dieci uomini arriva anche il poker. La SPAL ora dovrà pensare a come affrontare questo finale di 2020, con lo spettro di dover disputare due sfide durissime (Benevento e Pisa) senza diversi giocatori chiave. Sempre che non intervengano le autorità sanitarie in caso di ulteriori casi di Covid-19.

AZIONI SALIENTI PRIMO TEMPO
5’: Primo brivido del match in mezzo all’area del Frosinone: Colombo calcia in maniera sbilenca verso la porta, il pallone arriva verso Mancosu che non riesce però a controllarlo davanti a Ravaglia.
12’: Cross insidioso di Canotto verso l’area piccola della SPAL, Seculin è ben posizionato e riesce a mandare lontano il traversone dell’esterno ciociaro
20’: Pregevole cross d’esterno di Garritano che pesca l’inserimento sempre di Canotto all’altezza del dischetto del rigore. Il colpo di testa dell’ex Chievo si stampa sul palo, ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco
34’: GOL DEL FROSINONE. Vantaggio dei padroni di casa con Zerbin: l’esterno si defila verso il vertice dell’area di rigore spallina, calcia col destro e trova una strana traiettoria che beffa Seculin sul palo lontano.
38’: RADDOPPIO DEL FROSINONE. Azione stupenda dei giallazzurri che trovano immediatamente il secondo gol. Segna ancora Zerbin, a coronamento di uno scambio bellissimo tra Lulic e Zampano che porta quest’ultimo al cross basso.
41’: La reazione della SPAL è affidata ad un calcio di punizione di Viviani sul primo palo. Attento Ravaglia a non farsi sorprendere
44’: Insiste il Frosinone che ora viaggia sulle ali dell’entusiasmo. Ciano impegna Seculin con un paio di conclusioni velenose, ben respinte dal portiere spallino
46’ TRIS FROSINONE. Errore clamoroso di Seculin che nel tentativo di bloccare un traversone alto si fa sfuggire la sfera. Gatti si ritrova il pallone sui piedi e a porta sguarnita completa segna il terzo gol. SPAL annichilita.

AZIONI SALIENTI SECONDO TEMPO
50’: Come nel primo tempo Viviani prova a sorprendere Ravaglia su calcio da fermo. La palla scavalca la barriera ma il portiere ciociaro si oppone alla grande.
64’: Ci prova Capradossi con una acrobazia, ma il pallone si perde sul fondo senza creare apprensione alla difesa giallazzurra.
71’: POKER DEL FROSINONE. Arriva anche il quarto punto dei padroni di casa grazie alla doppietta personale di Federico Gatti. Il difensore insacca di testa il calcio d’angolo battuto da Ciano. Per la SPAL è notte fonda.
80’: Prova a trovare il gol della bandiera la formazione biancazzurra. Destro di Mancosu dalla lunga distanza, Gatti riesce a deviare in corner

Frosinone-SPAL 4-0 (pt 3-0)

Frosinone (4-3-3): Ravaglia; Zampano (dal 23’s.t. Casasola), Gatti, Szyminski, Cotali; Lulic, Ricci (dal 22’s.t. Maiello), Garritano (dal 42’ s.t. Manzari); Canotto (dal 23’ s.t. Cicerelli), Ciano, Zerbin (dal 26’s.t. Haoudi). A disp. De Lucia, Minelli, Gori, Novakovich, Tribuzzi, Satariano, Boloca. All. Grosso

SPAL (4-3-3): Seculin; Dickmann, Vicari, Capradossi, Celia; Mancosu, Viviani, Mora (dal 35’ s.t. Crociata); Seck, Colombo (dal 23’ s.t. D’Orazio), Ellertsson (dal 1’ s.t. Heidenreich). A disp. Rigon, Tripaldelli, Zuculini, Spaltro, Coccolo, Nador, Piscopo.

Arbitro: Sig. Marchetti di Ostia Lido. (Ass.ti: Marchi- Di Giacinto) IV uomo: Scatena VAR: Piccinini-Cipressa
Marcatori: Zerbin (F) al 34’ e al 38’ p.t., Gatti (F) al 47’ p.t. e al 26’s.t.
Ammoniti: Dickmann (S), Heidenreich (S).
Note: Pomeriggio freddo. Campo in buone condizioni. Angoli: 9-5 Recuperi: 2‘pt- 3‘st



Dinamica Media – leaderboard
Dimedia – leaderboard
MEIS – leaderboard
CFI – leaderboard
Elite Division – leaderboard