La partita che avrebbe potuto (e dovuto) consegnare la sostanziale salvezza alla SPAL termina con uno scialbo 1-1 tra l’altro acciuffato nel finale, dopo un primo tempo in cui i calabresi hanno avuto più volte l’occasione per chiudere la partita. Per i biancazzurri è stata una prestazione piuttosto scadente in termini di qualità e intensità, che rappresenta un po’ lo specchio della stagione spallina.

VOTO DI SQUADRA: 5 – Chi ha preferito venire allo stadio anziché fare la grigliata di Pasquetta si sarebbe aspettato di divertirsi  vedendo un certo un atteggiamento da parte della SPAL. Al Paolo Mazza invece è andato in scena il film opposto: il gol subito in avvio ha sicuramente complicato le cose per i biancazzurri ma chi ha rischiato di segnare maggiormente sono stati i calabresi. Nella ripresa la SPAL ha cercato con maggiore intensità il pareggio riuscendoci a pochi minuti dalla fine con un lampo di Rossi.

THIAM 6,5 – Schierato in campo a sorpresa con Alfonso ai box a causa della febbre, tiene a galla la squadra nel primo tempo con diversi interventi, il più importante dei quali è la deviazione sul palo sul tiro di Kargbo.

DICKMANN 6 – Soffre nell’uno contro uno con Kargbo, oltre a condividere con Da Riva la difficoltà nelle letture difensive per chiudere sugli esterni di centrocampo, come sul gol del vantaggio dei calabresi. Nel secondo tempo spinge con più decisione sulla destra, con diversi cross pericolosi.

VICARI 5 – La difesa della SPAL traballa ogni volta che il Crotone spinge sull’acceleratore. Oggi male sotto ogni punto di vista e la precisione nei lanci ormai è un ricordo lontano (dal 1’ s.t. MECCARIELLO 6 – Il suo ingresso è un’iniezione di personalità in una squadra che oggi ne ha dimostrata complessivamente poca).

CAPRADOSSI 5,5 – Viene bruciato dal velo con contro-movimento di Marras sul gol dello 0-1, poi si arrangia come può. Anche per lui vale lo stesso discorso di Vicari e sulla difesa decisamente organizzata male.

CELIA 5,5 – Il gol del Crotone nasce sul suo lato, ma lui non sembra avere eccessive responsabilità, visto che era salito per accorciare sull’esterno di parte. Nel complesso non fa molto meglio degli altri, spingendo troppo poco soprattutto nel secondo tempo.

DA RIVA 5 – Sempre in difficoltà nei movimenti difensivi, come sul gol del Crotone dove non si accorge che con la pressione di Dickmann su Kargbo si stava aprendo una prateria per Schnegg. Prova a farsi vedere nell’area avversaria con un colpo di testa, troppo poco anche per Venturato che lo lascia nello spogliatoio (dal 1’ s.t. ESPOSITO 5,5 – Nei primi quindici minuti dal suo ingresso sembra voler spaccare il mondo, toccando tanti palloni e cercando di velocizzare l’azione come può. Si perde un po’ con l’avanzare dei minuti).

ZANELLATO 5 – Scelto come regista dall’inizio, viene tagliato fuori come molti suoi compagni sul gol subito e anche palla al piede non riesce mai a dare velocità e verticalità all’azione. Sostanzialmente non riesce mai ad entrare nel vivo del gioco o dare un contributo efficace.

PINATO 5 – Nel primo tempo gira come un trottola in mezzo al campo, senza mai dare un contributo tangibile. Inizia la ripresa con un piglio diverso e nei primi minuti ha una doppia occasione per segnare, la seconda di testa davvero clamorosa, prima di sparire  nuovamente dal campo (dal 27’ s.t. ROSSI 7 – In una giornata in cui c’era disperatamente bisogno di qualità, sfrutta al meglio la ventina di minuti che Venturato gli concede andando vicino al col col mancino e segnando un gol pesante come il piombo allo scadere).

MANCOSU 5,5 – Tanti errori tecnici e poco di concreto da ricordare, ad eccezione di un tiro dalla distanza nel primo tempo. La sua prestazione cresce in termini di qualità quando la sua posizione arretra, fruttando alcune belle giocate come quella con cui mette Rossi davanti a Festa a dieci minuti dal termine.

COLOMBO 5 – Venturato lo sceglie per sfruttare la sua capacità di attaccare la profondità, ma ci riesce solo un paio di volte in avvio. Non gli si può davvero imputare nulla dal punto di vista dell’impegno, ma da un attaccante ci si aspetta che segni e lui purtroppo non lo fa da tantissimo tempo (dal 18’ s.t. MELCHIORRI 6,5 – Mezz’ora nella quale impegna Festa col mancino e serve a Rossi il pallone del pareggio).

VIDO 5 – Inizia bene con un colpo di testa, un tiro da lontano e l’assist per il colpo di testa di Da Riva. Col passare dei minuti si perde nella mediocrità generale, perdendo anche diversi palloni a centrocampo (dal 1’ s.t. FINOTTO 5 – Ha un’occasione dopo pochi secondi dal suo ingresso in campo, ma non fa meglio del compagno a cui ha dato il cambio).

VENTURATO 5 – Fino a quando il Crotone si è giocato la partita a viso aperto, la formazione da lui scelta come titolare, ha traballato di continuo. Nella ripresa però, con giocatori diversi in campo, la SPAL è sembrata avere tutta un’altra sostanza. Oggi prova insufficiente su tutta la linea.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard