foto Alessio Aiello

È stato un successo la partitella del sabato mattina della SPAL sul campo dell’Atletico Ugo Costa, in via Ippolito Nievo. Quasi duecento tifosi hanno occupato la tribuna per vedere la squadra di Roberto Venturato fare una sgambata contro la formazione Primavera vista la contemporanea sospensione dei rispettivi campionati.

È stato giocato un primo tempo da 45 minuti precisi e un secondo tempo da 43 e alla fine la prima squadra ha vinto 4-1, contro quello che finora è stato l’avversario più ostico tra quelli incontrati nelle partitelle infrasettimanali.

La cosa che è saltata per prima all’occhio è stata la presenza di Zuculini, schierato mediano tra Murgia e Proia. L’argentino è stato uno dei più intraprendenti a livello di idee: è rimasto in campo fino alla fine, ha trovato il gol con un bel diagonale rasoterra da fuori area e ha servito un assist per Finotto. Una notizia che potrebbe preoccupare riguarda invece una potenziale distorsione capitata a Murgia a inizio secondo tempo, che ha costretto il centrocampista ad abbandonare il campo a scopo precauzionale (pur sulle sue gambe).

Nella prima mezz’ora la squadra di Grieco gestisce tempi e spazi, dettando il ritmo del gioco, e passando anche in vantaggio dopo neppure dieci minuti. Rao salta Arena e s’invola uno contro uno con Thiam, allungandosi un po’ troppo il pallone e costringendo il portiere ad un anticipo in scivolata. Il rinvio però finisce sui piedi di Semenza che senza perdere troppo tempo infila da quasi quaranta metri. La prima squadra ribalta la situazione soltanto nel finale di frazione con una classica spinta sull’acceleratore. Nel giro di sei minuti, tra il 32′ e il 38′, arrivano in sequenza i gol di Rabbi (colpo di testa su cross di Zuculini), Zuculini (diagonale rasoterra dal limite dell’area) e Finotto (tiro violento in area, su passaggio filtrante di Zuculini).

Il secondo tempo si apre con la prima squadra che allunga grazie alla seconda rete di giornata di Finotto, che di prima gira all’incrocio dei pali una palla vagante in area di rigore. La Primavera dal canto suo continua a giocare con coraggio, ritagliandosi diverse occasioni importanti e colpendo anche una traversa con Semenza. Intorno alla mezz’ora il ritmo della partita inizia a calare visibilmente, complici i tanti cambi e la stanchezza, e gli errori individuali iniziano ad aumentare da una parte e dall’altra, fino al fischio finale, arrivato con due minuti di anticipo per manifesta mancanza di voglia.

Non sono scesi in campo Alfonso, Abati, Dickmann, Zanellato, Valzania, Puletto, Maistro e La Mantia, oltre agli infortunati Varnier e Tripaldelli e ai quattro giocatori impegnati con le nazionali (Esposito, Tunjov, Peda e Saiani). Dopo la sosta la SPAL attenderà al Paolo Mazza il Genoa, partita in programma sabato 1 ottobre (14.00).

PRIMO TEMPO 3-1
SPAL (4-3-1-2): Thiam; Fiordaliso, Meccariello, Arena, Celia; Murgia, Zuculini, Proia; Rabbi; Moncini, Finotto. All. Venturato.
PRIMAVERA (4-2-3-1): Martelli; Firman, Verza, Gobbo, Cavallini; Meneghini, Contiliano; Semenza, Boccia, Rao; Angeletti. All. Grieco
Marcatori: 8′ Semenza (P), 34′ Rabbi (S), 36′ Zuculini (S), 38′ Finotto (S).

SECONDO TEMPO 1-0
SPAL (4-3-1-2): Pomini; Fiordaliso, Meccariello, Dalle Mura, Celia (dal 12′ Almici); Murgia (dal 6′ Prati), Zuculini, Proia; Rabbi; Moncini (dal 23′ Rauti), Finotto. All. Venturato.
PRIMAVERA (4-2-3-1): Martelli; Firman, Verza (dal 31′ Barillà), Gobbo (dal 31′ Jungbauer), Cavallini (dal 22′ D’Agata); Meneghini (dal 16′ Longoni), Contiliano (dal 31′ Marcolini); Semenza, Boccia (dal 16′ Aurino), Rao (dal 12′ Imputato); Tozaj. All. Grieco
Marcatori: 11′ Finotto (S).



Leaderboard Spidergas 2022
Hangar leaderboard