foto Filippo Rubin

Al termine della partita pareggiata con la Torres, l’allenatore della SPAL Leonardo Colucci si è detto rammaricato per il risultato: “Perché quando si è in vantaggio di un gol sul campo della capolista del campionato, con un uomo in più e dopo aver sfiorando almeno in due-tre occasioni il raddoppio, tornare a Ferrara con un solo punto in tasca dispiace un po’“.

Ma salvo la prestazione, – continua il tecnico di Cerignola – perché dal mio punto di vista è stata particolarmente positiva. I ragazzi, tutti, nessuno escluso, hanno dato l’anima. Ho visto una buona SPAL questo pomeriggio, mi è piaciuta. Abbiamo giocato una bella partita. Peccato non aver fatto risultato pieno“.

L’emergenza dovuta ai tanti indisponibili probabilmente ha fatto scattare un qualcosa nella mente dei ragazzi, che sono scesi in campo con un grande spirito di abnegazione, trasformando in fatti quello che chiedo a gran voce durante gli allenamenti settimanali: lottare come dei leoni su ogni singolo pallone. Oggi non hanno smesso di combattere e sono rimasti sul pezzo per oltre novantacinque minuti“.

Maistro era in panchina soltanto per onor di firma, ha viaggiato con la squadra per spirito di gruppo e per proseguire le cure e il percorso riabilitativo. Chi l’ha sostituito ha dato davvero il massimo. Dobbiamo preservare assolutamente questo spirito e la partita di oggi deve essere un punto di partenza. Il direttore (Fusco; ndr) durante la conferenza stampa alla vigilia della gara ha parlato della sfida con la Torres come un banco di prova, credo che i ragazzi al netto di qualche ingenuità che ci può anche stare l’abbiano superata a pieni voti dimostrando di saperci stare su palcoscenici del genere“.



Leaderboard MEIS Contini Lampronti
Leaderboard Spidergas 2022