Prosegue l’avvicinamento al derby con quattro gol all’Imolese. Curiosità per due giovani in prova

La SPAL chiude l’anno solare con un rotondo 4-0 sull’Imolese, squadra di Serie D, in amichevole al “Benito Villani” di Masi Torello. Per entrambe le squadre si trattava dell’ultimo banco di prova prima della ripresa dei rispettivi campionati, con gli spallini che saranno impegnati lunedì sera alle 20.45 al Mazza nel sentitissimo derby contro la Reggiana.

Mister Semplici ha schierato sostanzialmente tutti gli effettivi a sua disposizione, ad eccezione di Menegatti, Togni e De Cenco, gli ultimi due rientrati da poco dalla vacanze in patria.  Dalle due formazioni viste nel corso dei novanta minuti di gioco si dovrebbe andare verso la conferma dell’undici vittorioso prima di Natale a Pistoia, con Germinale al posto dello squalificato Fioretti come punta. La partita non ha detto molto, con la SPAL che ha dilagato nella ripresa con i presunti titolari in campo, ma dall’altra parte anche mister Bardi ha attinto completamente dalla sua panchina. Nel primo tempo le seconde linee biancazzurre, rinforzate dai giovani Ponsat e Balestrero (classe 1995 scuola Juventus in prova dalla Novese), hanno mostrato grande applicazione nel ricercare le soluzioni proposte dal nuovo mister, ma il poco affiatamento tra loro e un terreno di gioco in cattive condizioni, hanno sicuramente inciso soprattutto in fase di possesso di palla, con una manovra abbastanza lenta e scolastica. Semplici ha più volte rimproverato i suoi anche nella fase di riconquista del pallone, con una squadra che tende quasi in modo naturale a recuperare verso il centrocampo, anziché rimanere alta a pressare. Nella ripresa, invece, si sono viste una manovra e un’intensità bene diverse, ma bisogna tener conto che gli spazi erano maggiori rispetto alla prima frazione di gioco.

Dal punti di vista della cronaca, il primo tempo ha visto le due squadre ribattere colpo su colpo, con la SPAL che ha chiuso la frazione sull’1-0. La prima occasione è stata al 6′ con la punizione dalla trequarti di Gasparetto finita sulla traversa. Al 23′ sul cross di Rosina con Ponsat che in tuffo di testa mette a lato. Proprio sulla rimessa del portiere, Filippini in pressione porta via palla a un difensore rossoblu e consegna a Ponsat la palla dell’1-0. L’Imolese ha risposto al 25′ e al 37′ con due belle conclusioni di Tattini respinte ottimamente da Albertoni. Al 29′, invece, la possibilità del 2-0 è venuta meno con Balestrero che, da due passi, ha mancato la porta di testa. Il secondo tempo è stato quasi esclusivamente di marca biancoazzurra. Al 55′ Germinale firma il raddoppio con l’evidente complicità di Spada. Al 60′ Spada si riscatta volando sulla punizione a giro sopra la barriera di Di Quinzio. È proprio l’esterno biancazzurro a segnare il 3-0 al 74′ appoggiando il pallone in porta dopo la bella azione personale di Finotto sulla sinistra. Occasioni anche per Finotto e Gentile, ma in entrambi i casi è Bracchetti a chiudere la porta. Nel finale, al 90′, arriva anche il 4-0 dopo un’azione di forza in area di Fioretti che in diagonale infila il protiere.

S.P.A.L.-IMOLESE 4–0 (1-0)

S.P.A.L. PRIMO TEMPO (433): Albertoni; Ferretti, Silvestri, Gasparetto, Rosina; Balestrero, Capece, Filippini; Ponsat, Germinale, Veratti. All.: L.Semplici.

S.P.A.L. SECONDO TEMPO (433): Albertoni (dal 34′ s.t. Anselmi); Lazzari, Aldrovandi, Giani, Legittimo; Gentile, Bellemo, Landi; Di Quinzio, Germinale (dal 15′ s.t. Fioretti), Finotto. All.: L.Semplici.

IMOLESE PRIMO TEMPO (343): Spada; Galassi, Zaccanti, Cernesechi; Senese, Righini, Selleri; Battistini; Tonelli, Kyeremateng, Tattini. All. A.Bardi.

IMOLESE SECONDO TEMPO (343): Spada (dal 25′ s.t. Bertacchi); Syku, Poggi, Dall’Osso; Casella, Ragazzini, Stanzani, Battistini (dal 25′ s.t. Galassi); Filippi (dal 25′ s.t. Amado), Cornacchia, Longo. All. A.Bardi.

ARBITRO: Sig. Polelli di Ferrara (Assistenti Sig.ri Navari e Perfetti di Ferrara)
MARCATORI: 23′ p.t. Ponsat (S), 10′ s.t. Germinale (S), 29′ s.t. Di Quinzio (S), 45′ s.t. Fioretti (S).
NOTE: pomeriggio freddo ma soleggiato, terreno in cattive condizioni. Spettatori 100 circa.

POST PARTITA
Leonardo Semplici (allenatore Spal)

Ponsat, Germinale, Di Quinzio e Fioretti: un 4-0 che fa morale?
“Vincere fa sempre bene. Avevamo anche due ragazzi in prova, ma quello che mi interessava era concludere questi tre-quattro giorni in cui abbiamo lavorato parecchio. I ragazzi sono stati bravi, disponibili, nel cercare di mettersi nelle giuste condizioni per ripartire nel modo giusto dopo la vittoria di Pistoia che doveva darci serenità e convinzione in quello che stiamo facendo, visto che avremo un finale di andata e un inizio di ritorno abbastanza difficili; spero che quel risultato rappresenti un nuovo inizio per noi”.

Come si sono comportati i ragazzi in odore di trasferimento in questi giorni?
“Purtroppo sono uscite tante voci e mi dispiace per i ragazzi, per i quali questo è un periodo abbastanza particolare, con le voci che iniziano a giugno e finiscono a giugno dell’anno successivo, ed è una cosa che disturba. Mi sembra che siano scesi in campo e si siano allenati con la giusta mentalità, cioè come voglio io. Ora vedremo quali saranno gli sviluppi, tenendo conto delle nostre esigenze, ma anche di quelle dei ragazzi che in questo momento sono un po’ chiusi o vogliono andare a giocare altrove con più continuità. Come ho sempre detto io pretendo 17-18 titolari, ma visto che più di undici ancora non mi permettono di schierarli starà a loro farsi trovar pronti nei momenti in cui saranno chiamati in causa, ma da questo punto di vista mi sembra un gruppo che non crea nessun problema”.

Vista la squalifica di Fioretti, sarà Germinale il suo sostituto o magari ci saranno nuovi arrivi in quel ruolo?
“Arrivi non credo. Germinale rappresenta una soluzione che sto valutando, un giocatore secondo me importante ed è giusto che in assenza di Fioretti sia lui l’alternativa, però da qui alla partita con la Reggiana ci sono ancora diversi giorni per valutare la soluzione migliore per sostituire Giordano”.

Quali sono le sue sensazioni sui due giocatori in prova oggi?
“Hanno fatto entrambi una buona prova, su un campo anche difficile. I due ragazzi hanno fatto una bella partita, ma li valuteremo più avanti in prospettiva”.


Davide Di Quinzio

Lunedì arriva la Reggiana, che sensazioni hai?
“Quella con la Reggiana è una partita molto importante e sentita dai tifosi, oltre che di grande peso per noi e per la classifica, quindi cercheremo di dare il massimo e di portare a casa dei punti, poi se riusciamo a vincere ancora meglio”.

Mister Semplici ha dato fiducia a giocatori che come te erano stati un po’ accantonati fino ad ora; qual è il tuo punto di vista?
“Non voglio parlare del mister che c’era prima e che giustamente faceva le sue scelte. Mister Semplici ha deciso di dare fiducia a noi in questa fase e possiamo dire di aver dimostrato qualcosa, anche se sicuramente non è nulla e dobbiamo continuare su questa strada per fare ancora meglio”.

Si gioca alle 20,45 di lunedì sera: cosa ti senti di dire ai tifosi?
“I tifosi devono essere il dodicesimo uomo in campo e visto che è un po’ di tempo che non vinciamo a Ferrara faremo di tutto per regalargli una vittoria che sicuramente meritano”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0