Chiusi gli accordi per i prestiti di Aldrovandi e Ferretti, il ds Davide Vagnati rimane a Milano per sbloccare altre trattative. Sono principalmente tre le caselle che il direttore intende colmare in tempi brevi, sicuramente prima del raduno della squadra in programma il prossimo 18 luglio. Al momento mancano un terzino sinistro, un centrocampista centrale e una punta.

Per la maglia numero tre il principale oggetto del desiderio è sempre Gianluca Di Chiara. Il mancino palermitano è fortemente richiesto da Oscar Brevi (lo ha già avuto a Catanzaro), ma ci sono ostacoli di ordine economico che rendono difficile la trattativa. Domani Vagnati si siederà al tavolo del Palermo per capire se c’è un margine per una risoluzione positiva, ma le prospettive non sembrano esattamente delle più favorevoli per la SPAL. Solo se la società del presidente Zamparini concorresse al pagamento dell’ingaggio Di Chiara prenderebbe la via di Ferrara. Tra le alternative rimane sempre d’attualità il nome di Simone Fantoni, anche se non è da escludere che Vagnati si orienti su altri profili.

Per il ruolo di centrocampista centrale la SPAL ha intenzione di ingaggiare un giocatore prima del raduno e poi attendere il mese di agosto per completare il reparto con un altro colpo. Le piste che portano a Schiavini (1990, Mantova), Moroni (1993, Parma) Calzi (1985, Reggiana) sembrano essersi raffreddate, mentre dalla Toscana rimbalza un’indiscrezione che vorrebbe la società biancazzurra interessata a Gianluca Sampietro. Si tratta di un ragazzo classe 1993 di grande talento, cresciuto nelle giovanili della Sampdoria e reduce da una stagione molto positiva a Pisa (29 presenze, 1 gol), dove si trovava in prestito. Capace di difendere e di impostare allo stesso tempo, ha alle spalle anche un campionato di Prima Divisione con il Portogruaro e potrebbe essere il candidato ideale non solo per sostituire Miglietta, ma anche per affiancarlo sulla linea mediana. Ha diversi estimatori tra serie B e Lega Pro (la stampa pisana lo ha accostato anche alla Pro Piacenza), ma non sembra un colpo impossibile.
Nel frattempo la testata specializzata Tuttolegapro ha riportato del potenziale interesse biancazzurro per il centrocampista Giacomo Pettarin (1988), svincolatosi dal Delta Porto Tolle dopo la retrocessione in D della squadra polesana. Elemento esperto e col vizio del gol, potrebbe fare al caso della SPAL, ma al momento non sembra essere tra i candidati più in vista. Nel frattempo Gianmarco Conti (1992), per settimane uno degli obiettivi principali del mercato spallino, si è accasato al Pordenone.

Resta il capitolo riguardante l’attacco: Alessandro Gatto (1994, Hellas Verona) rimane l’obiettivo numero uno, ma bisognerà attendere almeno un’altra settimana per avere il via libera da parte della società scaligera. Se alla porta del presidente Setti dovesse bussare qualche club di B è probabile che l’affare sfumi, mentre in caso di discesa in Lega Pro il giocatore avrebbe già espresso preferenza assoluta per la SPAL.



Leaderboard Derby 2019