Roseto ha faticato a trovare le giuste contromisure contro gli americani di Ferrara e questo ha influito in maniera decisiva sul risultato: le giocate di Rush e Hall hanno infiammato il palazzo, ma anche Cortese ci ha messo del suo in una serata in cui un paio di elementi sono incappati in una prestazione negativa.

RUSH 7.5 – Grande impatto il suo ad inizio partita, sia in attacco che in difesa. E’ già a quota 8 punti dopo i primi dieci minuti, oltre a due palle recuperate. Nel finale di partita, insieme ad Hall, contribuisce alla rimonta estense con un paio di canestri importantissimi. Chiude con 16 punti e 7 rimbalzi in 36 minuti di utilizzo.

HALL 8 – Carisma ed esperienza sono dalla sua e servono come il pane a questa squadra. Cresce alla distanza, ed è l’uomo chiave per la rimonta degli ultimi tre minuti. Si prende la squadra sulle spalle e la trascina ad una vittoria che sa d’impresa. Ennesima doppia doppia della sua stagione, 21 punti e 11 rimbalzi.

FANTONI 5 – Soffre l’atletismo di Ogide, tant’è che il lungo rosetano raggiunge la doppia cifra già nei primi venti minuti di gioco. Nella ripresa le cose non migliorano e il lungo livornese viene sovrastato in lungo e in largo. Giornata no.

MOLINARO 5 – Pessimo impatto dalla panchina, come spesso gli accade ultimamente. Ci prova con il tiro da lontano, che però non è il suo pane. Sbaglia un canestro clamoroso nella ripresa provando una schiacciata, chiude con 5 punti in 15 minuti.

CORTESE 7 – Il capitano si prende tanti tiri e all’intervallo il suo tabellino recita 13 punti con il 50% da tre. Nella ripresa è bersagliato dalla terna arbitrale ed è costretto a sedersi in panchina per raggiunto limite di falli a inizio ultimo quarto. Per lui comunque 18 punti con il 50% dalla lunga distanza.

PANNI 6.5 – Chiamato in causa per sostituire un frettoloso Moreno, il play vicentino entra in campo con la voglia giusta. Segna pure due canestri importanti nel primo tempo. Mai sopra le righe, anche lui in campo negli ultimi decisivi minuti.

MORENO 6 – Malissimo nel primo tempo, in cui perde quattro palloni sanguinosi e appare troppo nervoso. Si sveglia nella ripresa e anche grazie ad alcune sue giocate la Bondi trova la forza di riprendere in mano la partita. Raggiunge anche la doppia cifra.



Leaderboard Derby 2019