Dell’idea di riportare Luca Mora (1988) alla SPAL ormai si discute da un po’, tanto dentro quanto fuori dagli uffici del centro sportivo di via Copparo. Il centrocampista, fresco di promozione in serie A con lo Spezia, è già stato allenato da Pasquale Marino nella stagione 2018-2019 e per questo nel post-partita di SPAL-Pontedera il tema è stato posto al tecnico siciliano.

Si tratta di un giocatore che ho avuto il piacere di allenare, ma non so cosa succederà, magari vuole rimanere a La Spezia per fare la serie A. Personalmente lo stimo ed è evidente, perché è un ragazzo intelligente e che è prezioso nel fare spogliatoio. Quando arrivò allo Spezia (gennaio 2018) veniva da mesi tormentati e pagò un po’ la cessione a livello psicologico, perché era molto legato alla SPAL. Ha avuto qualche difficoltà iniziale, ma poi quando è entrato in squadra non è più uscito. Di lui ho stima professionale e umana, per cui con me si sfonda una porta aperta“.

Dichiarazioni che suonano come una benedizione rispetto all’eventuale acquisto di Mora, il cui futuro a La Spezia è incerto. Allo stato attuale non è ancora chiaro se mister Vincenzo Italiano voglia tenerlo con sé anche in serie A, ma in ogni caso non risulta che SPAL e Spezia abbiano ancora intavolato una vera e propria trattativa. C’è senz’altro stata una raccolta di informazioni reciproca, a maggior ragione perché ai liguri potrebbero potenzialmente interessare Murgia (1996) e Strefezza (1997). Mora vedrà scadere il suo contratto con lo Spezia a giugno 2021 e nell’ultima stagione ha contribuito alla promozione in serie A con 29 presenze e 2 gol.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard nuovo MyEs