La campagna di Calabria della SPAL inizia da Crotone col match di Coppa Italia in programma mercoledì alle ore 17. Come ampiamente prevedibile Pasquale Marino utilizzerà questa partita per dare spazio ai giocatori maggiormente bisognosi di minutaggio, visto che dietro l’angolo c’è il confronto di campionato con la Reggina (domenica ore 15).

INDISPONIBILI – La lista dei non convocati non è trascurabile, visto che comprende Maurice Gomis (Covid-19), D’Alessandro (contusione), Strefezza (Covid-19), Jankovic (contusione), Floccari (problema muscolare) e Paloschi (Covid-19).

TURNOVER – “Ci sarà sicuramente una rotazione perché alcuni devono recuperare. Domani verificheremo le singoli situazioni, ma questa è una partita in cui potremo dare minutaggio ad alcuni giocatori che ne hanno necessità. Da parte di chi ha giocato meno mi aspetto la dimostrazione d’essere pronti in modo che possano dare una mano anche in campionato. Aggregherò anche alcuni ragazzi della Primavera. Viviani? Ha avuto problemi fisici, ora sta recuperando e quindi verrà convocato”.

LOGISTICA – “Andremo e torneremo due volte dalla Calabria perché in fondo si tratta di un’ora di volo e preferiamo lavorare nel nostro centro sportivo con tutti i comfort che conosciamo. Non direi che gli allenatori detestino queste partite, penso più che altro che detestino perdere. Per cui cercheremo di fare il massimo per ottenere un risultato positivo, anche perché questa partita può aiutare il processo di crescita dei singoli e del gruppo”.

MOTIVAZIONI E INTERESSI – “Al di là delle implicazioni economiche per la società, cerchiamo di fare sempre il massimo per andare avanti, anche se ovviamente privilegiamo il campionato. Al momento abbiamo l’esigenza di portare in condizione quelli che hanno giocato meno, perché più uomini abbiamo abbiamo e meglio è. Non possono giocare sempre gli stessi”.

CAMBIO D’UMORE – “Dopo la vittoria di sabato tutti abbiamo pensato che dopo tanto tempo ci sia stato un senso di liberazione, perché quando si cerca di raggiungere un obiettivo e per un nonnulla viene continuamente rinviato certamente pesa dal punto di vista psicologico. L’umore ora è diverso perché possiamo lavorare sui nostri miglioramenti senza il pensiero fisso della vittoria che manca. Averla conseguita ci deve dare forza e voglia di macinare gioco con una certa serenità. Sappiamo di dover crescere e che ci siano tanti margini di miglioramento. Dal punto di vista psicologico la vittoria contro il Vicenza ha rappresentato una prova di forza perché andare sotto due volte, riprenderla e vincerla significa mostrare un carattere non indifferente”.

 

IPOTESI DI FORMAZIONE (343): Thiam; Okoli, Salamon, Ranieri; Spaltro, Esposito Sal., Missiroli, Sernicola; Brignola, Cuèllar (Seck), Moro.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard nuovo MyEs