Dopo la firma fino al 30 giugno 2022 ed il debutto assoluto in serie B e con la maglia SPAL, per Giuseppe Rossi è giunto anche il momento della presentazione ufficiale. Il nome è di quelli che non ha bisogno di particolari introduzioni, il curriculum parla per lui, al netto di una infinita serie di infortuni e sfortune che altro non hanno fatto che mettere in luce la tenacia e la resilienza dell’uomo. Prima di lasciare la parola al diretto interessato, è toccato al presidente Joe Tacopina cercare il modo più adatto per descrivere il nuovo attaccante spallino.

Sedere qui di fianco a Giuseppe e potervelo presentare è un onore per me. Ho seguito la sua carriera dai tempi delle giovanili del Parma, passando per il Manchester United, il Villareal e infine la Fiorentina. L’ho sempre ammirato come giocatore e come persona, per due italoamericani come me e come lui è speciale, perché penso sia il giocatore più talentuoso nato in sul suolo americano“.

Il nostro rapporto dura da diverso tempo, già da quando ero a Venezia ci sono stati tanti confronti tra noi e siamo stati a pranzo insieme diverse volte. Quello che mi ha sempre impressionato di Giuseppe, al di là di quello che tutti possiamo trovare e vedere su YouTube, è il tipo di persona cui ci si trova davanti. Il tipo di uomo, come individuo e come padre di famiglia. Uno che ha raggiunto tutti gli obiettivi che si possono raggiungere come calciatore e al tempo stesso ha saputo mantenere la stessa caratura e la stessa umiltà. Questo per me è un aspetto fondamentale”.

“Quando sono diventato presidente della SPAL Giuseppe è immediatamente diventato una delle mie priorità e ho subito cercato di convincerlo che questo sarebbe stato il posto giusto per rilanciare la sua carriera. Sono davvero molto contento che sia qui, ho parlato con il mister e con tutto lo staff tecnico e da subito hanno condiviso le mie idee. Non è un’operazione di facciata o per attirare sguardi sulla SPAL: credo ciecamente nelle sue qualità e nella sua voglia di dimostrare il suo valore. Giuseppe è qui da tre settimane e si sta allenando duramente con la squadra per tornare ai migliori livelli. Penso che vedremo grandi cose da Giuseppe perché conosco il suo valore reale e conosco la sua fame e la sua voglia di aiutare la squadra”.

Lo dico onestamente, sono davvero incredulo che Giuseppe Rossi sia qui alla SPAL. Che nessuna squadra della serie A abbia provato a ingaggiarlo è una vera sorpresa e sono sicuro che invece aiuterà noi ad arrivare lì. Ciò che vedo quotidianamente è il suo talento e ciò che sa fare con i suoi piedi, ma ciò in cui sto riponendo tutta la mia fiducia è quello che c’è nella sua testa. Quando un giocatore come lui si sente affamato e sa che si sta prendendo in carico qualcosa di importante, c’è da aspettarsi che possa fare solo grandi cose. La mia e la nostra fiducia è nella sua testa e nella sua mentalità: è stato un top player, lo sarà di nuovo, ha il DNA del campione. Non aspetto altro che il giorno in cui metterà in mostra tutto ciò che sa fare, smentendo tutti coloro che hanno messo in dubbio le sue qualità“.

Rossi è il primo rinforzo del mercato invernale. A gennaio potrebbero arrivare 2 o 3 rinforzi importanti per noi per completare l’organico. Ci stiamo preparando per fare il possibile, parlando anche con Pep, per capire quali settori sarà necessario rinforzare. Però non dimentichiamoci che questa squadra è stata completata non più di 12 settimane fa“.

Lascia un commento