Sfidare la prima della classe ha sempre un sapore speciale. Sabato al Paolo Mazza (ore 14) arriva un Pisa ferito dalla sconfitta interna (1-3) col Frosinone, ma ancora al comando della classifica di serie B e con tutte le intenzioni di restarci, visto anche l’imminente arrivo di un centravanti di prestigio come Torregrossa. Roberto Venturato ha presentato con queste osservazioni la sempre sentita partita coi toscani, valida per la prima giornata del girone di ritorno e importante per dare continuità di risultati.

INDISPONIBILI – “Gli indisponibili saranno i lungodegenti Latte Lath e Peda, oltre ad Ellertsson”.

LA SFIDA – “Il Pisa è la prima della classe e come la settimana scorsa ci troviamo ad affrontare una delle squadre più importanti del campionato. Sicuramente serviranno attenzione e concentrazione, ma veniamo da una settimana proficua, nella quale i ragazzi hanno mostrato un atteggiamento positivo, capacità di lavorare e disponibilità. Il tempo piano piano ci sta permettendo di lavorare e riprendere la condizione e anche questa settimana ci ha dato qualcosa in più dal punto di vista fisico e atletico. Siamo pronti a giocarci la partita contro una squadra capace e particolarmente determinata, che in questo momento ha un grande obiettivo in testa. Sarà una sfida che ci metterà alla prova e cercheremo di giocarla esprimendo al meglio le nostre qualità.”

FORMAZIONE – “Ho qualche dubbio di formazione, ma sinceramente sono contento di averlo perché vuol dire che ci sono più giocatori bravi, che mi consentono di scegliere tra più opzioni. Avere la possibilità di scegliere in una rosa è un valore importante, soprattutto in questo momento particolare in cui molti non si sono allenati e in cui ci saranno tante partite da giocare. Al di là dei titolari è importante avere anche più giocatori in grado di entrare durante la partita. Tornando alla sfida col Pisa, ho qualche dubbio rispetto alla settimana scorsa, ma lo terrò fino a sabato mattina. Le scelte su chi gioca le prendo sempre poche ore prima della partita. I dubbi sono legati principalmente ai reparti di difesa e centrocampo, dove c’è più competizione, ma una competizione positiva. Rispetto al Benevento qualcosa probabilmente cambierò”.

L’AVVERSARIO – “Contro il Pisa dobbiamo riuscire a migliorare le nostre capacità di gioco, ma soprattutto mantenere la nostra identità e il nostro modo di interpretare il calcio, ovvero quello di una squadra che prova a giocarsi la partita indipendentemente dall’avversario. Dobbiamo aver rispetto di un rivale che ha dimostrato nel girone d’andata di essere il più bravo di tutti. Sarà una partita impegnativa, ma dobbiamo avere la capacità di giocarcela anche contro di loro”.

FINOTTO – “Finotto purtroppo viene da un periodo che segue un grave infortunio. Già a Monza era a disposizione della squadra e poteva giocare; ha giocato spezzoni prima della sosta e nell’amichevole con l’Alessandria ha mostrato di essere in condizione-partita. È
un fatto positivo e importante che possa mettersi in condizione e aumentare i minuti nelle gambe giocando”.

PABAI – Confermo le parole del direttore Tarantino: Pabai ha dimostrato capacità di corsa e buona tecniche. È un ragazzo giovane che ha bisogno di adattarsi ad un ambiente nuovo e ad un campionato nuovo, ma ha potenzialità importanti”.

MECCARIELLO – “Meccariello fino a qualche settimana fa era un giocatore di una squadra che lottava in serie A e ha fatto la scalata col Lecce quasi sempre da titolare. In questo momento è in condizione e per noi è un valore aggiunto. A inizio carriera ha giocato terzino sinistro, anche se lui è destro, perché ha corsa, capacità di spingere e abilità di inserimento. Negli ultimi anni ha giocato da difensore centrale e si è adattato alla posizione. Domenica il suo inserimento come terzino è stata una scelta legata al momento della partita, ma attualmente si esprime meglio da centrale. Tuttavia saper interpretare più ruoli è una caratteristica importante”.

ZUCULINI – “Zuculini ha particolarmente sofferto il Covid e ha avuto problemi di recupero, ma è migliorato molto in settimana. Ora sta abbastanza bene e ha l’atteggiamento giusto. All’interno della nostra rosa, per carattere e temperamento, è un ragazzo che ci può dare molto.”.

MERCATO – “Qualora arrivino nuovi calciatori, si sta cercando di averli già in condizione. Il mercato di gennaio è un discorso delicato perché disturba sempre un po’ tutti; noi dobbiamo prestare attenzione alle persone che ci sono qui in questo momento. I nuovi innesti, anche se appena arrivati, hanno una buona condizione e per me sono tutti fondamentali in qualsiasi partita”.

IPOTESI DI FORMAZIONE (4-3-1-2): Thiam; Dickmann, Vicari, Meccariello, Tripaldelli (Celia); Da Riva, Esposito (Viviani), Crociata (Mora); Mancosu; Finotto (Seck), Colombo.



Dimedia – leaderboard
Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
MEIS – leaderboard
CFI – leaderboard