Quello arrivato nel confronto contro il Pisa è un punto che permette a mister Venturato di guardare con un po’ più di fiducia al futuro, anche se tecnico biancazzurro rimane un po’ di dispiacere per le diverse occasioni create e non sfruttate. Queste le sue parole dopo il fischio finale nella sala stampa del Paolo Mazza.

PRESTAZIONE – “Oggi abbiamo fatto una partita importante, creando quattro o cinque occasioni da gol, colpendo una traversa e un palo. Giocavamo contro una squadra di grande spessore, per cui sono molto contento. Mi dispiace però per i ragazzi, perché i tre punti oggi ci avrebbero dato morale e gratificazione. In serie B è importante trovare una certa continuità di risultati e noi dobbiamo migliorare in questo per riuscire a vincere soprattutto in casa, visto che il rendimento esterno è stato comunque buono”.

PROSPETTIVE FUTURE – “Prima di tutto dobbiamo lavorare sulla continuità, sulla mentalità e sul gioco. Se saremo bravi a farlo il primo obiettivo sarà sicuramente quello di metterci al sicuro dalla lotta salvezza, poi vedremo cosa accadrà. Ma non vorrei che si guardasse troppo in là, ora il nostro obiettivo si chiama Pordenone”.

MIGLIORAMENTI – “Rispetto alla partita col Benevento, soprattutto nel primo tempo, siamo riusciti a essere più equilibrati. Ora credo che dovremo concentrarci molto sulla costruzione da dietro, visto che abbiamo giocatori con le caratteristiche adatte per poterla fare. Inoltre dobbiamo migliorare sulla conquista delle seconde palle, sull’essere corti in campo, perché portando più uomini nella metà campo avversaria si facilità la possibilità di creare occasioni, oltre al fatto che tiene lontani gli avversari dalla nostra porta. Nelle prossime settimane lavoreremo comunque sia sull’aspetto fisico che sull’aumento delle conoscenze tattiche dei ragazzi, perché nel calcio le cose sono integrate tra loro ed è l’unico modo per avere più giocatori nelle condizioni di poter dare il loro il contributo. Aumentare le scelte a disposizione è un valore assoluto da ricercare per ogni allenatore”.

SCELTE INIZIALI – “Quelle di Meccariello e Celia sono state solamente scelte tecniche, le prestazioni di Capradossi e Tripaldelli contro il Benevento mi avevano completamente soddisfatto. Quello che conta per noi sono l’atteggiamento e la mentalità di chi scende in campo, ma anche e soprattutto di chi subentra dalla panchina, perché solo così si possono cambiare le partite in corsa. Avere un’identità di squadra è fondamentale e io ci credo molto nella crescita su questo fronte”.

SINGOLI – “Thiam è un ottimo portiere, ha sempre dimostrato le sue qualità. Ritengo possa essere un elemento di valore per questa squadra, poi sul mercato valuteremo cosa si potrà fare. Mora negli ultimi anni ha fatto sempre grandi campionati, oltre ad averne vinti diversi, perché ha valore sia come uomo che come calciatore, per cui lo reputo molto importante”.



Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard