foto Elisa Anastasi

La SPAL del nuovo allenatore Paolo Mandelli inizia con un pareggio casalingo per 0-0 contro la Juventus. Un risultato che non migliora affatto la classifica dei biancazzurri, ora al penultimo posto, ma che quantomeno interrompe la striscia di sei sconfitte di fila che aveva causato l’esonero di Fabrizio Piccareta.

Mandelli e i suoi ragazzi possono legittimamente essere dispiaciuti, perché con un po’ più di lucidità e di precisione in attacco avrebbero potuto cogliere una vittoria importante e prestigiosa. Nel primo tempo il confronto è stato piuttosto equilibrato e ha visto prevalere le difese, entrambe piuttosto attente e ordinate. Le conclusioni più pericolose dei primi 45 minuti le hanno costruite Orfei da una parte e Iling Junior dall’altra. Nel primo caso è stato bravo Rouhi a deviare il destro dell’esterno spallino e nel secondo un po’ presuntuoso l’attaccante della Juventus nel tentativo di beffare Rigon con un pallonetto dalla distanza. Nella ripresa le occasioni migliori sono capitate sui piedi di Mulazzi e Noireau-Dauriat, con la SPAL più determinata nella volontà di creare i presupposti per il vantaggio. Il prossimo impegno è in programma mercoledì 9 febbraio, in casa, contro la Fiorentina di mister Aquilani, reduce dalla vittoria contro la capolista Roma.

La squadra – ha detto Paolo Mandelli nel postpartita – mi ha fatto una buona impressione. Disputare gli incontri allo stadio Mazza è sempre d’impatto ed è un onore anche per i ragazzi. Abbiamo giocato contro la Juventus a viso aperto ed è stata compiuta una buona prestazione. I tre punti non sono arrivati perché è mancata la zampata vincente. Credo che i ragazzi abbiano fatto una buona gara e andiamo a casa soddisfatti. Ci sono senz’altro delle cose in cui dobbiamo crescere e migliorare, specialmente in tante situazioni in cui dobbiamo imparare ad essere più efficaci. Quello che mi importava oggi era vedere una squadra libera di testa e che volesse giocare a calcio, imponendo il proprio gioco pur al cospetto di una squadra forte come la Juventus. Siamo riusciti a dimostrare rispetto per l’avversario che ci siamo ritrovati di fronte e perciò penso che anche da questo punto i ragazzi siano stati bravissimi. Il calendario è molto fitto perciò la cosa che mi dispiace di più è che ci siano poche settimane per poter lavorare bene e in un certo modo. Dall’altra parte i ragazzi sono sempre sul pezzo e l’aspetto mentale in questo momento può fare la differenza. Ho trovato una squadra disponibilissima e con la voglia di fare“.

SPAL-Juventus 0-0

SPAL (4-3-2-1): Rigon; Pabai, Csinger, Breit (dal 31′ s.t. Saio), Borsoi (dal 39′ s.t. Yabre); Sperti (dal 39′ Forapani), Mihai, Simonetta (dal 31′ s.t. Martini); Orfei (dal 45’+4′ s.t. Bugaj), Noireau-Dauriat, Wilke Braams. A disp.: Magri, Nador, Fiori, Puletto, Roda. All.: Mandelli.

Juventus (4-4-2): Senko; Savona, Citi, Muharemovic, Rouhi (dal 34′ s.t. Hasa); Mulazzi, Turicchia, Bonetti, Iling-Junior; Cerri (dal 42′ s.t. Maressa), Chibozo (20′ s.t. Mbangula). A disp.: Scaglia, Ratti, Nzouango Bikien, Doratiotto, Solberg, Ledonne, Nonge Boende, Huijsen. All.: Bonatti.

Arbitro: sig. Perri di Roma (ass.ti Castro e Bianchi).
Ammoniti: Wilke Braams (S), Savona (J), Noireau-Dauriat (S).
Note: giornata nuvolosa, campo in buone condizioni. Angoli: 8-3; Recuperi: 1′ p.t., 4′ s.t.

Azioni salienti 1° tempo:
7′ La prima azione degli ospiti si sviluppa sul limite dell’area di rigore con Chibozo che si ritrova accerchiato dai difensori e tira in porta. La palla finisce alla destra di Rigon.
8′ Risponde la SPAL con un cross di Pabai in direzione di Wilke Braams. Quest’ultimo controlla e calcia di sinistro alzando troppo la mira.
17′ Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Borsoi, che si trova ad essere l’ultimo uomo della SPAL, cerca la conclusione dalla distanza, ma la palla finisce lontana dai pali.
18′  Orfei riceve ad posizione defilata e lascia partire il destro rasoterra: Rouhi devia e l’azione termina in calcio d’angolo.
25′ Sperti cerca la porta con un tiro dal limite, la palla termina alla sinistra di Senko.
31′ La Juventus tenta di trovare il gol con Mulazzi che, proveniente dalla destra, conclude sopra la traversa.
37′ Brividi per la SPAL con Iling Junior che si invola quasi indisturbato dopo una palla persa dalla SPAL a centrocampo: il suo tentativo di pallonetto è un po’ velleitario e sorvola la traversa.

Azioni salienti 2° tempo:
5′ s.t. Calcio di punizione per la SPAL con Noireau-Dauriat che cerca la porta, ma trova la barriera. Il rimpallo giunge sui piedi di Sperti che colpisce al volo facendo finire la sfera  sul fondo.
13′ s.t. Altro tiro dalla distanza per Sperti, ancora una volta nessun pericolo reale per il portiere avversario.
15′ s.t. Turicchia trova un po’ casualmente Mulazzi che, solo davanti a Rigon, non indirizza bene la palla facendola terminare ben oltre la traversa.
19′ Occasione per i biancazzurri con Noireau-Dauriat che finisce con lo sprecare un promettente contropiede in superiorità numerica calciando debolmente in direzione di Senko.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard
MEIS – leaderboard