Un gol nel finale dell’Ascoli costa alla SPAL una sconfitta che non meritava, peraltro in un momento nel quale il pareggio sembrava quasi un compromesso al ribasso dopo una ripresa giocata con grande coraggio.

VOTO DI SQUADRA: 6 – Le assenze di Viviani e Mancosu in questo momento sono un fardello troppo pesante per una squadra come la SPAL. L’undici titolare ha approcciato in maniera troppo timida la partita, poi piano piano la SPAL è venuta fuori, pur concedendo diverse occasioni all’Ascoli. Il finale in crescendo aveva fatto sperare in un buon risultato, fino alla beffa finale.

ALFONSO 6,5 – Compie almeno tre interventi decisivi, due dei quali su Collocolo e uno su Quaranta. Sui due gol può fare poco, nonostante il secondo sia dalla distanza. Molto rivedibile, invece, col pallone tra i piedi.

DICKMANN 5,5 – Bene nell’atteggiamento, sempre combattivo e generoso, meno nei risultati. Si propone, ma sbaglia tantissimo (meno di 50% di passaggi completati; 2 lanci lunghi a senso su 10) e perde tanti palloni (18). Bidaoui lo mette a dura prova fino alla fine.

CAPRADOSSI 6 – Dopo pochi minuti Collocolo lo salta come un birillo e, pur riprendendosi, si ritrova coinvolto in maniera decisiva nell’azione che porta l’Ascoli al vantaggio. Nella ripresa è più solido e concede pochissimo, facendo risalire le sue quotazioni.

MECCARIELLO 7 – Galvanizzato dalla fascia di capitano al braccio, spicca anche per intraprendenza quand’è ora di alimentare l’azione d’attacco. Ingaggia una bella battaglia contro un giocatore molto più rapido come Dionisi e si fa persino vedere nell’area avversaria.

TRIPALDELLI 5,5 – Quando spinge (e lo fa molto spesso) ha sicuramente un piede più educato rispetto a quello di Celia, ma continua ad avere qualche problema coi posizionamenti difensivi. Nel primo tempo viene sovrastato di testa nella sua zona da Quaranta su calcio d’angolo, mentre nel secondo tempo prima va a vuoto su Collocolo e poi perde il taglio in profondità di Dionisi. Ci prova coi cross (5), ma non ne mette a segno alcuno.

DA RIVA 5 – Corre un po’ ovunque rincorrendo agli avversari, ma anche per creare spazi con la squadra in possesso palla. La precisione nelle giocate però è scarsa (60%) e manca totalmente il suo apporto nella metà campo offensiva. (dal 37’ s.t. ZUCULINI ng – Porta un po’ di energia nei minuti finali, ma sembra un po’ fuori posizione sull’azione del vantaggio ascolano).

ESPOSITO 5 – Non è facile sostituire Viviani in questo periodo e lui conferma di attraversare un momento abbastanza grigio. Tenta di essere più verticale del solito nelle giocate, ma spesso difetta nella misura. Sul primo gol dell’Ascoli accompagna la discesa dell’avversario verso l’area biancazzurra senza opporsi. Esce tra i fischi (dal 15’ s.t. PINATO 5,5 – Non approccia bene la partita, con un liscio al limite dell’area e una chiusura molto blanda su un tiro di Collocolo. Si rifà in avanti con una conclusione che impegna Leali da lontano).

ZANELLATO 5,5 – Salva parzialmente la prestazione con una buona precisione nei passaggi e un pregevole assist per Melchiorri, ma perde palloni (o marcature) su diverse delle azioni più pericolose dell’Ascoli. La più evidente è ovviamente quella in cui l’Ascoli apre le marcature, con Collocolo a beffarlo sul palo lungo.

CROCIATA 5,5 – Approccia con atteggiamento molto volenteroso e cerca di sorprendere la difesa ascolana con i suoi movimenti in profondità. Fa vedere un paio di giocate di qualità, ma anche diversi errori (dal 23’ s.t. MORA 5,5 – Qualche incursione in avanti, ma niente di memorabile da ricordare).

MELCHIORRI 7 – Si muove con grande sapienza in attacco e dà un saggio della sua scaltrezza per il del pareggio, dettando una bella traccia in profondità a Zanellato. Anche nelle altre poche occasioni del primo tempo è lui a trovarsi nella condizione di finalizzare. Forse è troppo frettoloso il cambio con Colombo, non sembrava accusare più di tanto la stanchezza (dal 23’ s.t. COLOMBO 5,5 – Un solo tiro, non troppo pericoloso, e poco altro. Gli servirebbe un gol, anche casuale, per voltare pagina).

VIDO 6 – Uno dei più attivi nel primo tempo, con un paio di belle rifiniture per Melchiorri e un gol annullato per un evidente fuorigioco. Cala a inizio ripresa (dal 15’ s.t. ROSSI 5,5 – Ci prova subito dalla distanza dopo un movimento di qualità, poi viene anticipato dal difensore sulla respinta di Leali. La sua partita è praticamente tutta qui, con l’ennesimo problema fisico nel finale).

VENTURATO 5,5 – Difficile imputargli qualcosa in questa sconfitta, solo il cambio di Melchiorri, forse, col senno di poi. Ma così è facile. Schiera la miglior formazione possibile, al netto delle assenze e se i cambi incidono poco la colpa è più dei subentrati che sua. La squadra, però, non riesce ancora a mantenere stabilmente l’identità che lui desidera.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard