Da una settimana a questa parte Leon Sipos (2000), attaccante croato rimasto libero dopo il fallimento del Catania, si sta allenando con la SPAL. Il giocatore è in realtà di proprietà dello Spartaks Jurmala, una squadra lituana che lo aveva prestato al Catania includendo un diritto di riscatto che per ovvie ragioni è decaduto.

La SPAL ha temporaneamente aggregato Sipos per valutarlo, seppure in un momento della stagione nel quale le priorità sono di tutt’altra natura. L’obiettivo del suo soggiorno a Ferrara è quello di stabilire se possa rappresentare un’opportunità a basso costo per la prossima stagione.

[Un pregevole gol di Sipos segnato a dicembre 2021, contro il Taranto] 

Sipos è originario di Varazdin, nel nord-est della Croazia. Nel 2017/2018 esordisce da professionista nella Serie B nazionale, vestendo la maglia del HNK Gorica e segnando 3 gol in 21 presenze. Passa quindi alla Dinamo Zagabria, la squadra più blasonata del suo campionato, che lo manda in campo con la Squadra B, anch’essa militante nella Seconda Divisione nazionale. Nella capitale Leon si ferma una stagione e mezzo, prima della semestrale esperienza estera coi lettoni dello Spartaks Jurmala (Virsliga – serie A). Dopo 3 gol in 13 partite decide quindi di ritornare in patria, con l’NK Istra che gli offre una possibilità di giocare di nuovo nella Prva NHL (la serie a croata) ma lì, nell’arco di una stagione, riesce a mettere insieme solo 155 minuti senza alcuna rete.

Nell’estate 2021 passa quindi in prestito con diritto di riscatto al Catania, in serie C, con la società siciliana che lo ingaggia col dichiarato proposito di farlo giocare titolare al centro dell’attacco. La stagione inizia bene, con una doppietta al “Massimino” contro la Fidelis Andria, ma l’esplosione dell’ex biancazzurro Moro nel ruolo di prima punta gli toglie via via sempre più minutaggio.

Sipos comunque è rimasto sempre sul pezzo – ci spiega il collega Stefano Auteri da Catania – e dopo il mercato di gennaio, periodo in cui Moro ha avuto una flessione (1 gol in 9 partite), ha ritrovato fiducia e ha proseguito la stagione in crescendo. Al momento del triste epilogo del Catania stava vivendo un ottimo momento con tre gol in altrettante partite. Il bottino generale prima dell’esclusione del Catania è di 7 gol (di cui due partendo dalla panchina, a testimonianza di un’attitudine comunque positiva) in ventisette presenze“.

[L’ultimo gol segnato da Sipos in serie C, lo scorso 3 aprile 2022 contro il Potenza] 

Da un punto di vista tecnico viene si tratta di un giocatore ben strutturato (193 cm per 85 kg), che sa difendere palla ed è abile nell’andare incontro ai compagni per aprire gli spazi. Col Catania ha giocato principalmente da centravanti nel 4-3-3 e occasionalmente anche da seconda punta accanto a Moro. Inoltre viene tenuto in considerazione anche in patria viste le cinque presenze con l’Under 19 croata.

[Le conclusioni di Sipos nel corso del campionato 2021/2022 – dati WyScout]
Non trova conferma invece l’indiscrezione di un interessamento della SPAL per il centrocampista Riccardo Cataldi (2001), altro giocatore rimasto libero dopo la dissoluzione del Catania.



Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard