È passato quasi un anno dall’ultima partita di Sergio Floccari con la maglia della SPAL, ma non ci sono dubbi che ancora oggi l’ex capitano rimanga nei ricordi dei tifosi come  uno degli uomini più apprezzati e rispettati della gestione-Colombarini.

La sua carriera post-campo sta andando piuttosto bene: dopo aver conseguito l’abilitazione da allenatore Uefa B – che permette di sedersi su panchine di serie D o di squadre giovanili professionistiche – ed essere entrato nella squadra dei commentatori tecnici di Dazn, Floccari ha anche ottenuto il diploma da direttore sportivo. Tra gli allievi del corso c’erano anche altri nomi noti del calcio italiano come Emanuele Calaiò, Daniele Conti, Andrea Cossu, Christian Maggio, Giandomenico Mesto, Ivan Pelizzoli, Ferdinando Sforzini e Marco Storari.

Sarà quindi interessante vedere quali sono le prossime mosse di carriera di Floccari, che nel corso dell’estate 2021 era rimasto in attesa di una possibilità alla SPAL. Lo aveva detto lui stesso in un’intervista rilasciata a Il Resto del Carlino e curata dal collega Mauro Malaguti:

“Avevo dato disponibilità piena alla nuova società e sono anche stato convocato per una chiacchierata, ma in quel momento c’erano altre priorità. Per me Ferrara e la SPAL sono state tutto meno che un discorso lavorativo. Quando arrivai (nel gennaio 2017, ndr) avevo perso entusiasmo e qui ho ritrovato sensazioni belle e genuine. Quello della SPAL è un ambiente speciale che pochi altri club possono vantare e deve rimanere così sempre” – Sergio Floccari, 2 settembre 2021

L’ex capitano era stato preso in considerazione per un ruolo all’interno del settore giovanile, ma la riorganizzazione in tempi strettissimi dopo il cambio di proprietà fece sfumare uno scenario di inserimento nell’organigramma.

Il suo volto, tra le altre cose, adorna tuttora uno dei muri esterni del centro sportivo “G.B. Fabbri” a Ferrara, in compagnia di due leggende come Oscar Massei e Giulio Boldrini.

Difficilmente il discorso tra la società e Floccari verrà riaperto ad un anno di distanza, ma sarà comunque interessante vedere cosa riserverà il futuro del buon Sergione.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard