foto Filippo Rubin

Se hai allenato la SPAL nell’ultimo decennio il futuro potrebbe non essere del tutto generoso con te. Questo dice il quadro generale dei tecnici che hanno occupato la panchina del Paolo Mazza per periodi più o meno brevi dal 2013 a oggi. Basti pensare che giunti a fine ottobre sono solo 2 su 10 i mister attualmente occupati con qualche altra squadra. A inizio stagione erano due in più.

L’ultimo a cadere, se così si può dire, è Luigi Di Biagio: il tecnico dell’ultima SPAL in serie A (2019/2020) ha chiuso anticipatamente la sua esperienza albanese all’FC Dinamo City rassegnando le dimissioni dopo la sconfitta interna per 3-2 contro il KF Teuta. Durante il suo incarico la squadra 18 volte campione nazionale ha messo assieme 7 punti in 9 partite: un rendimento che per ora vale l’ultimo posto nella Kategoria Superiore, l’equivalente albanese della nostra serie A. La Dinamo City era la prima squadra per Di Biagio dai tempi della conclusione della sua esperienza alla SPAL nell’agosto 2020.

Di Biagio ha annunciato le sue dimissioni in diretta televisiva sull’emittente MCN: “In tutta la mia vita mi sono comportato in maniera onesta e corretta, quindi lascio l’incarico per rispetto di un club importante come la Dinamo. Probabilmente non sono riuscito a dare a questi ragazzi tutto quello che avevo, in tante partite avremmo potuto fare di più. Voglio ringraziare il club e i dirigenti per questa opportunità. Tutti stanno facendo un grande lavoro per tenere in alto la società. In base a un principio di correttezza rinuncerò al mio contratto perché non voglio certo diventare un peso. L’onestà in queste situazioni viene prima di tutto. Mi dispiace perché sono stato veramente bene qui. Ho davvero apprezzato ciò che questo ambiente mi ha dato e sono spiacente di non essere riuscito a portare a termine il mio compito“.

Il resto del quadro degli ex allenatori biancazzurri è tutt’altro che felice. Al momento resistono in due: Massimo Gadda al Ravenna (serie D, girone D) e Pasquale Marino, che lo scorso 9 ottobre è stato ingaggiato dal Bari in serie B per rimpiazzare Michele Mignani. Gadda sta andando piuttosto bene: il suo Ravenna è davanti a tutti da imbattuto (5 vittorie e 2 pareggi) e sembra puntare con decisione al ritorno in serie C. Marino invece è rientrato all’opera, anche un po’ a sorpresa, dopo quasi due anni di inattività. La sua ultima esperienza risaliva infatti a una breve parentesi (7 partite) a Crotone, conclusa a dicembre 2021. Il debutto al San Nicola ha riservato un pareggio per 1-1 col Modena.

Sono invece due i tecnici che avevano iniziato la stagione e poi si sono fermati. Il primo è Massimo Rastelli, esonerato dall’Avellino (serie C, girone C) lo scorso 12 settembre dopo appena due partite. Il secondo è Pep Clotet che a inizio ottobre ha chiuso consensualmente il suo rapporto di lavoro con la Torpedo Mosca nella Russian First League, l’equivalente della serie B italiana. L’allenatore catalano era approdato nella capitale russa ad aprile 2023, quando la Torpedo era ancora nella Premier League, e non è stato in grado di evitare una retrocessione che già a quel punto del campionato sembrava abbastanza scontata. La marcia però è stata preoccupante, con un bilancio di una vittoria e nove sconfitte che hanno condannato la squadra all’ultimo posto in classifica. L’avvio nella First League è stato un po’ ondivago, con 17 punti in 12 partite e l’eliminazione al quarto turno nella coppa nazionale.

Tutti gli altri restano in attesa. Tra questi:
* Oscar Brevi: esonerato dalla Vis Pesaro (serie C) ad aprile 2023
* Leonardo Semplici: lasciato libero dallo Spezia (serie A) a giugno 2023
* Roberto Venturato: esonerato dalla SPAL (serie B) a ottobre 2022
* Daniele De Rossi: esonerato dalla SPAL (serie B) a febbraio 2023
* Massimo Oddo: lasciato libero dalla SPAL (serie B) a giugno 2023

Nel corso dell’estate Venturato era stato accostato a Pisa (serie B), Ternana (serie B) e Atalanta Under 23 (serie C). Il nome di Semplici è uscito per eventuali subentri a Empoli, Udinese e Salernitana (tutte in serie A), mentre quello di De Rossi era stato associato a Spezia (serie B), Pisa (serie B), Ternana (serie B) e infine Salernitana (serie A).

Nella lista non può rientrare Domenico Di Carlo, che è ancora vincolato da un contratto fino a giugno 2024 con la SPAL. Nel caso ci fosse una risoluzione il tecnico potrebbe allenare solo all’estero a causa dei regolamenti federali.



Leaderboard MEIS Contini Lampronti
Leaderboard Spidergas 2022