Con il calciomercato ormai a pieno regime le indiscrezioni sui trasferimenti iniziano a moltiplicarsi. Verificare tutto per bene richiede tempo e non è neanche detto ci si possa riuscire, ma anche leggere cento link (di cui molti con notizie di seconda e terza mano) può essere frustrante. Così abbiamo deciso di offrire ai nostri lettori una rapida panoramica quotidiana sulle voci delle 24 ore precedenti, disseminate tra le decine di fonti che stanno riportando notizie di mercato. Questo non implica necessariamente la loro veridicità, ma può aiutare a tenere d’occhio eventuali sviluppi.

in entrata?

FEDERICO DI FRANCESCO (esterno/attaccante, 1994, Sassuolo)
Il figlio dell’attuale tecnico della Sampdoria è da tempo nella lista dei preferiti di mister Semplici e del ds Vagnati, almeno un mese. La prima richiesta del Sassuolo però era piuttosto alta, quindi la SPAL ha preferito attendere prima di sedersi al tavolo con i neroverdi. Giovedì Sky Sport ha dato conto di un incontro tra le due società e da quanto è stato possibile apprendere gli sviluppi sono promettenti, tanto da condurre ad un esito positivo in tempi brevi. Di Francesco potrebbe arrivare per una cifra attorno ai 5 milioni di euro e rappresenterebbe un innesto funzionale all’adozione del modulo a tre punte.

KEVIN BONIFAZI (difensore, 1996, Torino)
Una settimana fa il ds Vagnati era parso abbastanza pessimista sulla possibilità di riprendere il difensore granata, mentre mercoledì è sembrato decisamente più speranzoso di poter intavolare una trattativa col Toro: “L’anno scorso s’è rilanciato da noi – ha detto a Sky Sport – e avremmo piacere di parlare di una nuova chance per lui a Ferrara. Ne parliamo col Torino, vediamo se è fattibile in breve tempo. Altrimenti, come il Toro fa le sue valutazione, è giusto che anche noi facciamo le nostre“. I problemi sono sostanzialmente due: la valutazione molto alta che il Torino fa del giocatore (15 milioni) e l’ampia concorrenza che vorrebbe ottenere le sue prestazioni. Si è parlato anche di Atalanta, Fiorentina, Parma e Udinese.

NENAD TOMOVIC (difensore, 1987, Chievo)
Ne avevamo dato conto qualche giorno fa: la SPAL tiene d’occhio il difensore serbo, anche se non ha fretta di affondare il colpo. Bonifazi rimane il desiderio principale e in ogni caso, prima di agire, serve qualche uscita per sfoltire un po’ l’organico e alleggerire il monte-ingaggi. Rimane un profilo da tenere in considerazione, visto che allo stato attuale mancano due difensori all’organico biancazzurro.

MARIUSZ STEPINSKI (attaccante, 1995, Chievo)
Mister Semplici ha spiazzato un po’ tutti quando ha dichiarato che il polacco non è il giocatore che la SPAL sta cercando. Più che altro perché, qualche giorno prima, il ds Vagnati era sembrato un pochino più possibilista sulla prospettiva di fare un investimento per l’attaccante. Da Verona assicurano che il discorso non è del tutto chiuso e si attendono sviluppi nel corso della prossima settimana.

in uscita?

PASQUALE SCHIATTARELLA (centrocampista, 1987) –> Benevento
Da Benevento si apprende che il club giallorosso sta aspettando con fiducia l’arrivo del centrocampista spallino, rimasto a riposo nella prima amichevole stagionale. Schiattarella ha un solo anno di contratto con la SPAL, ma la società non vorrebbe lasciarlo partire senza ricevere una compensazione economica. Il ds beneventano Foggia non sarebbe dello stesso avviso, tanto da confidare nella possibilità che Schiattarella ottenga la risoluzione del suo attuale accordo.



Leaderboard Derby 2019