Il Kleb torna a sorridere e lo fa con una vittoria convincente su una Caserta davvero troppo acciaccata per poter dire la propria. Ferrara vince 94-78, sospinta dal trio Wiggs-Vencato-Baldassarre, veri protagonisti dell’incontro. In attesa di notizie dal mercato, un bel modo per ripartire.

Ferrara deve fare ancora a meno di Campbell, ma Caserta non sta certamente meglio: per i campani fuori tre pezzi da novanta come Allen, Cusin e Giuri. Il Kleb inizia come meglio non potrebbe: 8-0 di parziale in 2′ e timeout Gentile. Baldassarre, partito in quintetto, è una furia e insieme a Ebeling trascina la FeliPharma sul +11 a metà quarto. Il Kleb è una macchina perfetta, sia in attacco sia in difesa, mentre la Juve – visibilmente indebolita dalle assenze – non riesce ad entrare in partita. Al primo mini intervallo Ferrara conduce 22-15. Caserta prova a rientrare aiutata anche da un piccolo blackout dei biancazzurri, meno fluidi rispetto ai primi minuti, ma il passaggio a vuoto dei ragazzi di Leka dura lo spazio di un paio di possessi. In contropiede il Kleb dà il meglio di sé, e al 15′ è 32-24 grazie a una schiacciata a una mano di Wiggs, già in doppia cifra. Si iscrive a referto anche Beretta, e il Kleb allunga inesorabilmente (39-26), sospinta dal tifo incessante del Sesto Uomo. All’intervallo Ferrara conduce 43-32.

La Juve, nonostante le numerose assenze, è squadra in fiducia (viene da quattro vittorie consecutive) e prova a rimanere aggrappata al match, ma una tripla di Panni ricaccia indietro i campani (51-39). Questa volta la FeliPharma non incappa nel solito tragico terzo quarto e il vantaggio rimane sempre rassicurante, anche perché Caserta ha perso pure Hassan, espulso per proteste. E’ la premiata ditta Wiggs-Baldassarre a scaldare i cuori dei tifosi estensi, ma anche ‘Tatu’ non è da meno: al 30′ Ferrara è in pieno controllo sul 70-55. Come spesso accade, però, il Kleb si rilassa per qualche istante, e Caserta prova a sparare le ultime cartucce (72-63): la FeliPharma chiude il match poco più avanti con una splendida circolazione di palla che trova Baldassarre libero dall’angolo per la tripla dell’81-67 a 5′ dalla sirena. Nel finale c’è gloria anche per Balducci e Petrolati e il Kleb torna a sorridere.

FELIPHARMA FERRARA-SPORTING CLUB JUVECASERTA 94-78 (22-15; 43-32; 70-55):

FERRARA: Wiggs 24, Vencato 12, Petrolati, Fantoni (k) 10, Baldassarre 19, Beretta 6, Panni 9, Buffo, Balducci, Ianelli ne, Campbell ne, Ebeling 14. All. Leka.

CASERTA: Mastroianni 2, Sousa 9, Bianchi 13, Valentini 6, Paci 7, Carlson 11, Hassan (k) 14, Del Vaglio, Gervasio, Turel 16. All. Gentile.

Spettatori: 1600 circa.

I migliori – Wiggs, Vencato e Baldassarre, a pari merito. Scelta inevitabile, le prestazioni di tutti e tre sono fondamentali per la vittoria di Ferrara su Caserta. La guardia USA trascina i compagni con giocate di energia e l’ennesimo ventello (24 alla sirena), checché se ne dica è il go-to-guy della Feli Pharma. Il play ex Mantova invece si conferma da tripla doppia e seppur non la centri a tutti gli effetti (12 punti, 8 rimbalzi e 6 assistenze) è indispensabile per far girare la macchina guidata da Spiro Leka al massimo dei giri. L’ala di passaporto svizzero – con Campbell in panchina solo a onor di firma – veste i panni del secondo violino di lusso e regala emozioni nei quasi 30′ che sta in campo: segna (19), mette in ritmo i compagni, va forte a rimbalzo (7) e difende bene, tutto ciò che esalta l’MF Palace. Buone prove anche per Ebeling e Panni, che nel secondo tempo va a bersaglio per tre volte da dietro l’arco dei 6,75. 

Il peggiore – Nessuno. Ferrara schianta Caserta (orfana di Cusin, Allen e Giuri e con le rotazioni ridotte all’osso) dando sempre l’impressione di essere in controllo del match. I padroni di casa stanno in testa sin dalla palla due. Buonissima prestazione corale, come confermano i 28 assist di squadra. 

POST-PARTITA
Spiro Leka: 
Complimenti a Caserta, arrivata a Ferrara senza tre giocatori: lo so bene come ci si sente quando bisogna affrontare situazioni come quella a cui ha dovuto fare fronte coach Nando Gentile questa sera. Noi siamo stati bravi ad evitare di scendere in campo rilassati, sapendo delle defezioni nel roster avversario. Decisivo il parziale all’inizio, ci ha aiutato a gestire la partita con in modo sereno. Potevamo chiudere prima però. Abbiamo fatto quello che dovevamo, vincere. Prendiamoci questi due punti. Di sicuro dobbiamo migliorare la difesa ma sono soddisfatto della circolazione palla. Ebeling stiamo lavorando per farlo andare in serie A, sta prendendo confidenza con il ruolo di ala piccola. Il mercato? Da domani inizio a ragionare con la società, non voglio portare a Ferrara qualcuno che mini gli equilibri dello spogliatoio“. 

Luca Vencato: Vittoria importante, abbiamo ripreso il filotto. Il nostro parquet rimane inviolato. Non siamo scesi in campo rilassati viste le assenze di Caserta e siamo stati bravi a vincere quando eravamo obbligati a farlo, non è mai facile. Ci stiamo divertendo, con noi anche il pubblico dell’MF Palace. Siamo un grande gruppo, ci aiutiamo a vicenda in ogni situazione, possiamo toglierci delle grosse soddisfazioni in futuro se continuiamo così. Adesso testa a Roseto, dobbiamo riuscire a cambiare marcia anche in trasferta“.



Leaderboard Derby 2019