foto Filippo Rubin

La classifica della SPAL è in peggioramento e parte del pubblico solleva preoccupazioni, ma ciononostante Pep Clotet dimostra calma e fiducia alla vigilia di un Cosenza-SPAL che potrebbe avere un peso specifico importante nella lotta per la salvezza: “Vogliamo fare una buona prestazione, siamo determinati e abbiamo lavorato sugli errori e su noi stessi. Il Cosenza viene da una buona partita in trasferta contro il Parma ed è la squadra che ha fatto più punti in casa propria. Noi però siamo fiduciosi e andremo in campo per vincere come in ogni partita. La SPAL dovrà dare tutto, senza pensare alle conseguenze di un eventuale risultato negativo. Siamo una squadra con una mentalità forte e siamo in grado di farlo, consapevoli dei nostri limiti, ma anche delle nostre capacità di gioco. Io guardo le cose con razionalità e vedo una squadra che allena e gioca con il massimo dell’impegno e soprattutto suda la maglia”.

DISPONIBILI/INDISPONIBILI: ancora fuori Latte Lath, a lui si aggiunge Viviani, squalificato per due giornate dopo l’espulsione per proteste ricevuta nel finale di gara contro l’Alessandria. Rientra invece a pieno titolo Da Riva, che si candida per una maglia da titolare nel terzetto di centrocampo. A questo proposito infatti, Clotet ha parlato proprio del giovane in prestito dell’Atalanta come possibile scelta in un reparto da rivedere: “Mi piace avere tre centrocampisti con tre caratteristiche diverse. In mezzo un giocatore che aiuta la difesa e fa gioco (Esposito, in mancanza di Viviani), un giocatore che aiuta il reparto offensivo e uno con compiti intermedi. Da Riva si è allenato bene in settimana ed è cresciuto molto. Ha grandi capacità di inserimento”.

SCONTRO DIRETTO – “Affronteremo sicuramente una partita molto interessante e difficile, in cui dovremo essere bravi a mantenere i nervi saldi. In settimana i ragazzi si sono allenati bene e sono concentrati. La sconfitta con l’Alessandria ha lasciato sicuramente scorie dal punto di vista emotivo, ma siamo professionisti e non possiamo lasciarci trascinare dalle emozioni: dobbiamo essere consapevoli che sconfitte come quella di sabato possono capitare e ricapiteranno. Non ha senso per me appesantire la squadra con delle pressioni. Ci sono rabbia e frustrazione per come sono andate le cose, abbiamo fatto una buona prestazione ma ci sta perdere partite per episodi o nostri stessi errori: dovremo essere bravi a mettere da parte gli strascichi e trasferire questa grinta in campo per poter fare una buona prova. Non va dimenticato che siamo la squadra più giovane del campionato. L’anno scorso la SPAL ha investito tanto e non ha nemmeno raggiunto i playoff, quest’anno siamo andati in un’altra direzione e questo prevede dover accettare di incappare in incidenti di percorso”. 

CLASSIFICA – “Siamo per la prima volta in zona playout, ma è sempre presto per guardare la classifica. La squadra è serena, tranquilla, concentrata. Veniamo da una serie di belle prestazioni, abbiamo 14 punti e forse ne avremmo meritato qualcuno di più a questo punto del campionato, se consideriamo come siamo partiti. Abbiamo fatto il ritiro con dieci calciatori e il resto della squadra è arrivata all’ultimo giorno di mercato. Qualche partita facciamo bene, qualche altra un po’ meno, in generale però siamo in linea con gli obiettivi che ci eravamo prefissati a inizio stagione, fermo restando che la salvezza è il nostro obiettivo come è il primo obiettivo di qualunque squadra. Se ci mettiamo a pensare che la SPAL deve giocare per la serie A non è normale. Nonostante questo rimaniamo fiduciosi e proviamo a vincere tutte le partite. Penso che i tifosi questo l’abbiano capito”.

MELCHIORRI/SECK – “Il modulo o gli interpreti non variano a seconda che la partita sia in casa o in trasferta, noi giochiamo il nostro gioco e domani giocheremo con tre uomini offensivi come abbiamo sempre fatto, indipendentemente dallo schieramento. Con le due punte è chiaro che Melchiorri garantisca una soluzione più da uomo d’area, mentre Colombo è un attaccante che fa molto movimento. Seck può giocare nella coppia d’attacco, anche se è un giocatore più da spazi aperti essendo molto forte nell’uno contro uno”.

CELIA/TRIPALDELLI – “I terzini sono fondamentali nel nostro sistema per il loro apporto sia in avanti sia in fase difensiva e mi piace inserire freschezza sulle fasce a gara in corso anche per questo motivo (come si è visto per entrambe le coppie contro l’Alessandria). Tripaldelli in settimana non era al 100% per via di un lieve attacco febbrile, perciò aspetteremo l’ultimo minuto per valutarne le condizioni”.

SECULIN – “Seculin mercoledì si è allenato a parte per un lieve problema muscolare, ma ha pienamente recuperato e domani sarà della partita”.

CALCIOMERCATO – “Ci siamo confrontati con la società e con il presidente (che lunedì ha parlato di 2/3 innesti). Questo è un punto molto forte della società, c’è grande comunicazione e unità d’intenti. Io le mie opinioni le ho espresse e mi trovo d’accordo con la dirigenza che sta già lavorando in vista del mercato di gennaio, per il resto continuo a fare il mio lavoro che è quello di allenare”.

 

IPOTESI DI FORMAZIONE (4312): Seculin; Dickmann, Vicari, Capradossi, Celia (Tripaldelli); Da Riva, Esposito, Crociata (Mora); Mancosu; Colombo, Melchiorri.



Dimedia – leaderboard
Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard