Uno strano scherzo del destino ha fatto sì che l’anno solare della SPAL iniziasse e terminasse nello stesso luogo: a Frosinone. Solo che l’inaugurazione del 2021 aveva riservato tre punti (2-1, gol di Esposito e Paloschi), mentre il suo epilogo ha riservato una delle sconfitte più pesanti nel contesto di dodici mesi abbastanza complicati.

Nell’anno dal quale ci stiamo per congedare la SPAL è scesa in campo per 43 volte in impegni ufficiali (serie B e Coppa Italia) e nel 30% dei casi (13 volte) ha conquistato una vittoria. In 14 occasioni ha pareggiato (33%) e in 16 (37%) ha ceduto agli avversari. Se questi vi sembrano numeri preoccupanti vi basti pensare che nel 2020 la squadra aveva perso 23 delle 41 partite complessivamente disputate (56%).

Nel corso del 2021 i biancazzurri hanno messo a segno 48 gol con 20 marcatori diversi e ne hanno incassati 58. Valoti (oggi al Monza) è stato per il secondo anno consecutivo il miglior marcatore con 7 centri, seguito a breve distanza da Colombo (6). Il giovane attaccante di proprietà del Milan è stato il più prolifico al Paolo Mazza (5), mentre Valoti si è distinto lontano da Ferrara (4).

Il portiere costretto a raccogliere più palloni in fondo alla rete è stato inevitabilmente Berisha (28 in 21 apparizioni), anche se il peggior rapporto tra presenze e gol subiti al momento ce l’ha Pomini con 2 di passivo a partita. Nel caso dell’esperto portiere c’è l’attenuante di un campione statistico estremamente limitato (appena tre partite).

Il 2021 è anche stato il secondo anno consecutivo nel quale la SPAL ha avuto tre allenatori diversi. Pasquale Marino è rimasto in carica per le prime 15 partite (4 vinte, 7 pareggiate, 4 perse), poi è stata la volta di Massimo Rastelli per altre 9 (4 vinte, 2 pareggiate, 3 perse) e infine il turno di Pep Clotet per le restanti 19 (5 vinte, 5 pareggiate, 9 perse).

Da un punto di vista strettamente contabile l’acquisto più oneroso di quest’anno è stato Federico Di Francesco dal Sassuolo per quasi 4,5 milioni di euro, in quanto il suo prestito biennale stipulato nel 2019 è diventato un trasferimento definitivo nell’estate del 2021. In questo momento Di Francesco è all’Empoli in prestito con diritto di riscatto (a circa 2 milioni): con 13 presenze e 3 gol si sta dimostrando un elemento di spicco nell’ottima stagione del club toscano. Se si vuole invece volgere lo sguardo alla rosa attualmente a disposizione di Clotet i principali acquisti sono stati Tripaldelli dal Cagliari e Celia dal Sassuolo per cifre indicate attorno ai 300mila euro. La cessione più remunerativa (ma deleteria in ottica di bilancio) è stata invece quella di Kevin Bonifazi al Bologna per 6 milioni di euro. Il difensore era stato pagato 11 milioni nel gennaio 2020.

Il 2021 è stato anche l’anno in cui è finita l’era Colombarini-Mattioli. Negli otto anni di gestione del sodalizio nato a Masi San Giacomo la SPAL ha vissuto uno dei suoi periodi di maggior splendore sotto il profilo dei risultati sportivi. Dal 2013 sono infatti arrivate tre promozioni (dalla Seconda Divisione alla serie A), due salvezze in serie A e una retrocessione in serie B.

La loro avventura iniziò ufficialmente con SPAL-Bellaria 2-0 (Varricchio, Pandiani) del 25 agosto 2013 in Coppa Italia di serie C e si è conclusa formalmente con SPAL-Cremonese 1-0 (Segre) di serie B del 10 maggio 2021. Il bilancio complessivo è di 334 partite con 132 vittorie (40%), 88 pareggi (26%) e 114 sconfitte (34%).



Dinamica Media – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
MEIS – leaderboard
CFI – leaderboard